giovedì, Luglio 7, 2022
HomeNotizie di AttualitàUcraina, Zelensky e Dzhaparova fanno la voce grossa: «Volevano prenderci in tre...

Ucraina, Zelensky e Dzhaparova fanno la voce grossa: «Volevano prenderci in tre giorni»

di aemme

Emine Dzhaparova, vice ministra degli esteri ucraina parla della possibilità di avviare i negoziati con la Russia: “Oggi parliamo di negoziati, negoziati che come potete vedere sono iniziati molto presto. Quando i russi non sono riusciti a ottenere il controllo del Paese in tre giorni, quello che peraltro era l’obiettivo iniziale, hanno cominciato a negoziare con noi. Ma capiamo anche che loro non vogliono portare avanti i negoziati perché in caso contrario non ci avrebbero aggredito. Oggi prendiamo in considerazione diverse soluzioni di pace, soluzioni che però non devono costare la sovranità del nostro paese. Questa – precisa la vice-ministra, è una cosa che non può essere messa in discussione”.

Ucraina le posizioni di Zelensky e Dzhaparova

Dall’altra parte, il presidente Volodymyr Zelensky, è intervenuto al forum a Davos in Svizzera ha fatto di nuovo la voce grossa contro l’oppressore. Il leader ucraino ha chiesto “sanzioni massime” contro la Russia. “Serve un embargo completo sul petrolio”, e poi ancora, “è necessario che tutte le banche russe siano escluse dai sistemi globali e che non ci sia nessun commercio con la Russia”. Queste le richieste (o forse bisognerebbe dire le pretese) dell’ex comico.

Leggi anche...

- Advertisement -