Show del boss Zagaria in aula tra minacce e messaggi nascosti
Il capo del clan dei Casalesi, Michele Zagaria

Il boss dei Casalesi Michele Zagaria avrebbe manifestato tendenze suicide: nella sua cella e’ stata rafforzata la video sorveglianza; ora e’ controllato anche quando va in bagno. “Non e’ insofferenza a un sistema che non riesce a controllare, – dice Barbara Lettieri, l’avvocato che gli cura gli aspetti legati all’esecuzione della pena – bensi’ una protesta contro una restrizione che lo vessa impedendogli anche l’esercizio dei diritti costituzionalmente garantiti come studio, salute, cura, socialita’ e lavoro”.

ad

Secondo quanto si e’ appreso il rafforzamento del sistema di video sorveglianza nella cella dove Michele Zagaria e’ detenuto, e’ gia’ attivo da qualche mese. “A causa dell’aggravarsi della situazione, – fa sapere l’avvocato Lettieri – ho intrapreso una fitta interlocuzione con il provveditore, il garante comunale regionale e nazionale”. “Ho interessato il magistrato di sorveglianza ed attendo di essere ricevuta dalla direzione del carcere”, ha detto ancora il legale di Michele Zagaria.

Riproduzione Riservata