WhatsApp

Messaggi offensivi e a sfondo sessuale inviati da un minorenne. E’ costato caro ad un 17enne aver tempestato di messaggi la sua ex insegnante: il giovane è stato denunciato dai carabinieri della Compagnia di Montella (nell’Avellinese) perché ritenuto responsabile di molestie a mezzo telefono.

ad

Le indagini
dei carabinieri partite
dopo la denuncia presentata
dalla professoressa

Le indagini dei militari dell’Arma sono partite dopo la denuncia sporta dalla vittima, professoressa in una scuola secondaria di primo grado, che da un po’ di tempo riceveva su WhatsApp messaggi farciti di epiteti scurrili, contenenti anche immagini pornografiche.

La donna, non potendo più sopportare questo crescendo di molestie, si è rivolta ai carabinieri che sono venuti a capo della vicenda. Attraverso l’analisi dei tracciati telefonici, acquisiti nel corso delle indagini, è stato possibile per gli investigatori risalire all’identità del presunto molestatore: un 17enne, residente in un comune dell’Alta Irpinia. Il ragazzo, avuto il numero di cellulare della sua ex insegnante, aveva iniziato a molestarla telefonicamente.