sabato, Maggio 28, 2022
HomeNotizie di SportCalcio«Voglio una squadra cazzutissima», il piano di De Laurentiis per...

«Voglio una squadra cazzutissima», il piano di De Laurentiis per…

La qualificazione Champions vitale per le casse del club azzurro e per la permanenza ad alti livelli, da qui riparte il Napoli. De Laurentiis e Giuntoli si preparano ad una mini rivoluzione

di Stefano Esposito

Soltanto il terzo posto vale un premio di 21.8 milioni, a cui si aggiungerà nelle prossime settimane la parte più sostanziosa del tesoro, garantita al Napoli dalla sospirata qualificazione Champions. Sono i soldi (una settantina di milioni complessivi, se gli azzurri si faranno valere nella fase a gironi) di cui De Laurentiis aveva urgente bisogno per rimettere a posto i conti e scongiurare lo spettro di un default: il presidente aveva pubblicamente lanciato l’allarme nella scorsa estate. Altro che delusione per lo scudetto perduto, insomma.

La posta in palio era la sopravvivenza ad alti livelli del club e per questo non è in discussione il futuro di Luciano Spalletti, che ha centrato con 270’ di anticipo l’obiettivo per cui era stato ingaggiato e si è meritato anche sul campo la conferma per il prossimo campionato, a prescindere dalla durata biennale del suo contratto.

«Resto al cento per cento? Mah, visto che me lo domandate sempre, secondo me avete voi giornalisti dei dubbi, per cui risolveteveli. Io ho già risposto tante volte ormai, ditemi che cosa devo fare e faccio quello che volete…», ha scherzato in tv il tecnico toscano dopo la vittoria (la dodicesima in trasferta) conquistata sabato a Torino, servita alla squadra pure per riconciliarsi con i 1800 tifosi al seguito, a due settimane dalla dura contestazione durante la partita contro il Sassuolo.

Dal campo al mercato. ADL ha detto la sua su quella che sarà la prossima sessione estiva: “Mi immagino un mercato aperto. Per la prima volta dopo il Covid ci sarà tanta voglia di fare. Sarà un mercato brillante e io voglio costruire un Napoli “cazzutissimo”. Dovremo fare di necessità virtù e trovare il giusto equilibrio tra prendere calciatori giovani e calciatori ‘vecchi’, perché con gli allenamenti e una nutrizione particolare oggi si può giocare fino a 40 anni, come dimostra Ibrahimovic”.

Aurelio De Laurentiis è stato chiaro: nessuno è intoccabile, tutti possono partire. Con la giusta offerta, nessun azzurro sarà difeso a spada tratta dalla società sul mercato, soggetto alla cessione. Ma in attesa di capire quali potranno essere le offerte in arrivo al club azzurro, quali sono i calciatori della rosa di Luciano Spalletti che fanno più gola?

Fabiàn Ruiz

Non ci sono stati e non ci saranno incontri tra il presidente De Laurentiis e Fabian Ruiz. La questione rinnovo non sarà presa in considerazione. La situazione è in stallo, bisogna capire ora a cosa porterà. Il Napoli lo venderà ad una cifra congrua quest’estate o andrà via la prossima a parametro zero? L’entourage dello spagnolo vorrebbe andar via a zero. Le posizioni in questo momento sono abbastanza distanti.

Acquistato per 30 milioni dal Betis di Siviglia nel 2019, per Fabiàn non è da escludere dunque la cessione immediata. Real, Barcellona e club di Premier sono interessate al centrocampista spagnolo, ma potendolo prendere a 0 il prossimo anno, nessuno sborserà cifre adeguate al valore del calciatore.

Mertens

Dries Mertens chiede un biennale con ingaggio a 1,2/1,5 milioni l’anno, il punto d’incontro possibile con la formula 1+1. Si parla del rinnovo di Dries Mertens sull’edizione odierna del Corriere dello Sport: “De Laurentiis ha dato appuntamento a Mertens a fine stagione per approfondire la storia: in pratica, in qualsiasi momento utile a partire da oggi considerando che la Champions è acquisita e il terzo posto ipotecato.

E se il primo step per ripartire insieme è compiuto, ovvero un ingaggio che dai 4,5 milioni di euro attuali si trasformerà in uno stipendio compreso tra 1,2 e 1,5 milioni, è sul secondo che bisogna trovare l’intesa: la durata del contratto.

Ciro punta a un prolungamento biennale ma potrebbe anche accontentarsi della formula classica uno più uno (magari con scatti più facilmente raggiungibili); il presidente parte da una proposta annuale. E Spalletti, intanto, aspetta: il suo placet alla conferma è stato privato e anche pubblico.

Koulibaly

Contratto oneroso che scade nel 2023. Toccherà anche a lui avviare la trattativa con il club. Giocatore imprescindibile anche e soprattutto per Spalletti non potrebbe giungere a scadenza naturale. Per lui in passato De Laurentiis ha rinunciato a cifre molto importanti, il mercato è cambiato ma il difensore senegalese continua ad avere estimatori di grande prestigio. Nelle ultime ore da registrare il fortissimo interessamento del Chelsea, oltre a quello già noto del Barcellona.

Osimhen

Come riporta l’edizione online de Il Mattino, addirittura dalla capitale inglese ieri è rimbalzata l’indiscrezione di una proposta da oltre 105 milioni di euro per indurre il Napoli e l’attaccante nigeriano ad accettare la corte dell’Arsenal. Dalle parti del club azzurro, però, giurano che nessuno ha ancora presentato offerte ufficiali.

Per il 23enne talento africano si stanno muovendo in tanti: Tottenham, Manchester United e anche, attraverso un manager francese, il Borussia Dortmund. De Laurentiis non ha incontrato altri club, ha lasciato intendere che il suoi gioiello non è in vendita ma che per una cifra sbalorditiva è disposto a cambiare idea. Almeno 110 milioni di euro per far traballare il Napoli. Serve una mossa così, perché non è vero che per il club azzurro è prioritaria la sua cessione.

Mercato in entrata

Il Napoli si sta muovendo sul mercato ed ha già chiuso due colpi per la sessione estiva. Secondo quanto riporta l’emittente ufficiale del club azzurro, Kiss Kiss Napoli, nel corso di Radio Goal, appena sarà finita la stagione, il sodalizio partenopeo sarebbe pronto ad annunciare un secondo colpo di mercato dopo Kvaratskhelia. Nessuna sorpresa, il calciatore che sarà annunciato dal Napoli sarà l’esterno sinistro del Getafe Mathias Olivera, che la società ha già chiuso in anticipo per beffare le concorrenti.

Il «Progetto» è tutto decodificato dalle carte di identità: Khvicha Kvaratskhelia ha appena compiuto 21 anni. Mattias Svanberg che rispetto ai suoi «colleghi» inseriti nel casting, sa quasi di «vecchio», eppure ne ha solo ventitré, li ha fatti a gennaio; e Aaron Hickey, invece, è addirittura un fanciullo o poco più, dovendo toccare i 20 tra un mesetto. Il Napoli che verrà deve guardare lontano, avere un futuro che gli appartenga, garantire un ciclo che duri – eccome – nel tempo: ma è vietato sbagliare la «rivoluzione» e De Laurentiis lo sa. In difesa interessa Ostigard del Genoa, ma proprietà Brighton

Il calciatore ha già detto sì alla società partenopea, si aspetta soltanto la fine della stagione di massima serie e della Liga, per annunciare l’acquisto del terzino sinistro uruguagio. E’ tutto fatto, ma a stagione in corso i club non possono assolutamente annunciare colpi di mercato.

Cristiano Giuntoli è molto attivo e non si fermerà a questi due arrivi, qualora dovessero andare via altri calciatori, la società punterà su elementi di grande livello per l’eventuale sostituzione.

Il Napoli segue anche Adam Hlozek. Un gioiellino ceco di 19 anni che ha strappato la copertina con lo Sparta Praga, fino a entrare in pianta stabile nel giro della Nazionale. A scriverlo è l’edizione odierna del Corriere dello Sport che presenta il calciatore tra caratteristiche e cifre: “Hlozek, 19 anni e 10 gol in questa stagione tra il campionato ceco (8), l’Europa League (1) e la Conference (1). Di talento e colpi Adam ne ha in dote, altroché, e non è un caso che il Napoli si sia fatto sentire. Punto forte, la rifinitura: 13 assist in campionato, 15 in totale”.

Tra i vari calciatori accostati agli azzurri per il proprio attacco, spicca nelle ultime ore il nome di Jesper Karlsson, calciatore di proprietà dell’AZ Alkmaar. Lo stesso calciatore ha commentato le voci di mercato a Fotbollskanalen, entrando nel merito dell’interesse del club azzurro:

“Si tratta di un qualcosa che vorrei evitare di commentare”, ha risposto il calciatore quando gli è stato chiesto delle voci riguardanti il Napoli. Ammettendo, poi: “Prima o poi voglio fare un passo in più dall’Olanda, non è un segreto”.

Nella sua seconda stagione nel campionato olandese, Karlsson – classe 1998 – ha messo a segno 15 reti in 32 partite di campionato, condite da 9 assist. Numeri che non fanno restare indifferenti il Napoli, che lo annovera tra i possibili rinforzi per il reparto offensivo.

Leggi anche...

- Advertisement -