L'ex assessore Alessandra Sardu e Viraj Prasanna

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

di Giancarlo Tommasone

ad

Ve lo ricordate Viraj Prasanna, il 41enne dello Sri Lanka, il consigliere aggiunto? La figura del «portavoce» della comunità extracomunitaria a Napoli era stata presentata in pompa magna dall’Amministrazione comunale.

Bene, a cinque mesi
dal suo ingresso ufficiale in aula,
oltre a «grazie, sono felice di essere qui», frase detta durante la sua prima
in consiglio comunale, non avrebbe
più proferito parola

In effetti Viraj si ricorda soprattutto per la sua carenza nell’esprimersi e nel comprendere l’italiano. Il video diffuso in esclusiva da Stylo24, che prova come il 41enne non padroneggi per niente la nostra lingua, è diventato virale, ed è perfino finito, sulle bacheche Facebook di Giorgia Meloni e di Matteo Salvini.

«Sono tra i più assidui alle sedute di Consiglio – racconta alla nostra testata un consigliere di maggioranza, che sceglie l’anonimato -, Viraj Prasanna è presente in aula, ma non l’ho mai sentito dire una parola». Lo stesso consigliere ci confida pure di essere molto critico nei confronti dalla figura che è stata istituita dall’Amministrazione, «scontento, e come me lo sono molti altri colleghi, perché l’apporto del consigliere aggiunto risulta essere molto più che impalpabile, praticamente nullo».

Eppure l’aggiunto (che non ha diritto di voto e può partecipare solo alle sedute di Consiglio, e non alle Commissioni) avrebbe dovuto portare in aula le istanze della comunità extracomunitaria, facendo proprio da interfaccia tra detta comunità e gli amministratori. Ma Viraj, che ha diritto di parola e percepisce il gettone di presenza, in aula non si è mai sentito, nel senso che non è mai intervenuto, e a questo punto ci chiediamo: se non parla, come può assolvere il suo compito.

Anche l’interprete a tempo avrebbe perso
la speranza di veder intervenire Viraj

Dopo il caso sollevato da Stylo24, che avrebbe portato perfino qualcuno dell’Amministrazione a chiedere a Viraj di dimettersi, il Comune era corso ai ripari e per aiutare il 41enne dello Sri Lanka era stato «ingaggiato» un interprete (gratis e a tempo, nel senso che la sua presenza in aula deve essere votata dai consiglieri di volta in volta). Ma visto che Viraj non ha preso mai parola, a un certo punto si è «rassegnato» anche il traduttore, che durante «le ultime tre sedute di Consiglio non si è proprio presentato», racconta ancora il consigliere di maggioranza. A questo punto, dopo cinque mesi, saremmo curiosi di sapere se Viraj abbia almeno migliorato il suo italiano. Ma se non parla, sarà arduo risolvere il rebus.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata