Vigili fotografati in moto senza casco (fonte pagina Facebook Assessorato alla Sicurezza Urbana e Polizia Locale - Comune di Napoli)

di Giancarlo Tommasone

A proposito di vigili senza casco, argomento che sta focalizzando da qualche giorno, l’attenzione dell’opinione pubblica partenopea, ci siamo imbattuti in un paio di foto postate di recente, sulla pagina Facebook ufficiale dell’assessorato alla Sicurezza urbana e Polizia locale, guidato da Alessandra Clemente. Nelle immagini vengono immortalati due centauri, agenti della Municipale in borghese, che, sono in moto, senza l’«elmetto» di protezione.

Le foto pubblicate
il dieci agosto scorso
sulla pagina Facebook
dell’assessorato
alla Polizia locale
del Comune di Napoli

Scatti del genere non comunicano per niente un messaggio di legalità, soprattutto in una città come Napoli, dove il fenomeno del mancato utilizzo del casco (mancato utilizzo, che in caso di cadute o incidenti ha quasi sempre effetti devastanti sull’incolumità dei centauri) raggiunge molto spesso, picchi preoccupanti.

Leggi anche / La vigilessa in scooter
senza casco sarà sanzionata, e la De Majo?

Da ribadire che il Codice della strada, obbliga, durante la marcia, all’uso del casco protettivo gli utenti di veicoli a due ruote, non facendo alcun distinguo tra semplici cittadini e rappresentanti delle forze dell’ordine in borghese. Ciò detto, chi ha pubblicato le suddette foto sulla pagina dell’Assessorato della Polizia locale, e chi non ha fatto adeguatamente da filtro (attraverso il controllo del materiale da postare), ha commesso una leggerezza, perché ribadiamo, il messaggio diffuso cozza con i principi di legalità e rispetto delle regole, che qualsiasi assessorato,  e nel caso quello guidato da Alessandra Clemente,  deve sempre sottolineare.

A proposito di rispetto, anzi, di mancato rispetto delle regole, pubblichiamo anche una foto scattata dall’ex consigliere comunale, Raffaele Ambrosino. Siamo in Piazza Municipio, la piazza su cui si affaccia il Comune. Uno spazio che dovrebbe essere continuamente presidiato dai vigili urbani.

Una fila di una ventina di auto in sosta vietata a Piazza Municipio a Napoli

E’ possibile notare una fila di una ventina di auto, parcheggiate in divieto di sosta.

L’esclusiva di Stylo24 / L’auto della De Majo
in divieto di sosta sotto gli occhi dei vigili

Ma in fin dei conti, che cosa pretendiamo dalla cittadinanza, se poi quelle stesse regole vengono violate, da chi per primo dovrebbe rispettarle? Ci riferiamo all’episodio, non certo esempio di «educazione civica», della consigliera Eleonora De Majo, che lo scorso maggio ha lasciato la sua auto sotto un segnale di divieto di sosta, praticamente a pochi metri dal Comune.

L’auto della consigliera De Majo parcheggiata in divieto di sosta. Nei riquadri: Ciro Esposito, Eleonora De Majo, Alessandra Clemente e la vigilessa in scooter senza casco

A proposito, il tutto, raccontato e documentato, in esclusiva da Stylo24, è accaduto sotto gli occhi di un vigile urbano. Nessuna sanzione per la consigliera, nemmeno per il vigile «distratto». Ma questa è un’altra storia. O forse, no.