domenica, Novembre 27, 2022
HomeNotizie di PoliticaVigili e contestazioni, l'autunno caldo di Manfredi - VIDEO

Vigili e contestazioni, l’autunno caldo di Manfredi – VIDEO

Proteste nei confronti del primo cittadino durante una cerimonia. Caos sindacati nella polizia municipale

Non sarà un autunno facile per il sindaco Gaetano Manfredi e quanto accaduto nelle ultime 48 ore sembra essere solo un assaggio. Durante la cerimonia per l’adozione di Piazza Calenda da parte del Teatro Trianon, infatti, il sindaco è stato contestato da alcuni manifestanti al grido di: «Vergogna, i politici ci riempiono di immondizia» e «Vai via, non ti vogliamo. Ti stai mangiando tutta Napoli». Una contestazione dai toni accesi ma che non ha creato difficoltà o momenti di tensione.

Altro fronte caldo sembra essere quello della polizia municipale che da mesi sembra non trovare pace. Ben 15 rappresentanti sindacali – si legge in un servizio di Alessio Gemma per «Repubblica Napoli» – hanno deciso di cambiare «casacca» e passare dalla Csa alla Cisl. Sindacalisti che da soli sarebbero capaci di spostare il voto di ben 700 iscritti ribaltando così i rapporti di forza per numero di iscritti nel corpo locale e portando la Cisl al primo posto davanti a Uil, Cgil e Csa. Il cambio di sindacato sarebbe dettato dalla volontà di dar vita a un’opposizione più dura all’attuale amministrazione comunale e la Csa, da questo punto di vista, evidentemente, sarebbe troppo «tenera» nei confronti dell’ex ministro.

Fonti interne avrebbero affermato la mancanza di libertà sindacale: «Se facevamo una protesta venivamo redarguiti dai vertici a Roma del Csa». Una scelta propedeutica (almeno stando a queste ultime parole) a nuove manifestazioni di dissenso nei confronti dell’Amministrazione comunale di centrosinistra guidata dall’ex rettore che, tra contestazioni dei cittadini inferociti per la scarsa qualità della vita e la mancanza di opportunità lavorative a Napoli e vigili urbani sul piede di guerra, non avrà vita facile. E nel frattempo Manfredi dovrà mediare nella sua maxi maggioranza composta da partiti che a Roma si guardano in cagnesco.

Articoli Correlati

- Advertisement -