Ancora un episodio di bullismo tra minori a Napoli.

Un altro episodio di bullismo tra minorenni si è verificato a Napoli, in zona Fuorigrotta. In un filmato si vede un ragazzino aggredito sia verbalmente che fisicamente prima da un ragazzo fisicamente più grosso di lui e poi dall’intero branco. La vicenda è stata denunciata dal gestore di una pagina Facebook che ha segnalato l’accaduto al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli inviandogli i filmati.

“Ci sono stati inviati questi filmati che sarebbero stati girati a Fuorigrotta, dove un gruppo di ragazzini accerchia ed aggredisce un bambino. Abbiamo avuto modo di contattare il ragazzo in questione e la vicenda risulta essere veritiera, inoltre non sarebbe la prima volta che l’adolescente viene preso di mira da quella stessa banda di bulli. Abbiamo provveduto ad inviare il filmato originale, senza volti oscurati, alle autorità che procederanno a svolgere le dovute indagini e all’identificazione dei protagonisti”. Ha dichiarato il Consigliere Borrelli.

ad

Secondo quanto ricostruito da un articolo del ‘Mattino’, a firma del collega Leandro Del Gaudio, i baby aggressiori sono studenti, hanno un’età compresa tra gli undici e i quattordici anni (quindi potrebbero anche non essere imputabili), frequentano la scuola media, non vengono da contesti disagiati. Non appartengono a famiglie contigue alla camorra, sono mediamente integrati nel contesto civile del quartiere della periferia occidentale.

Il primo babypicchiatore è figlio di commercianti della zona, che saranno raggiunti dalle forze dell’ordine, per dare inizio a una attività di indagine che potrebbe concludersi anche con una segnalazione ai servizi sociali. Dalle poche parole raccontate dalla vittima ai genitori, i ragazzi più grandi del branco non volevano che «si inserisse nel loro gruppo». E lo hanno minacciato in questo modo: «Se ti avvicini ancora ti picchiamo». Detto fatto. E registrato con un cellulare.