La firma del clan Sibillo sulle mura della città