Nella vicenda coinvolti anche un imprenditore e un commercialista, che hanno patteggiato una pena di 2 anni a testa

Prima l’ammissione di responsabilità, poi l’offerta di risarcimento del danno, infine la richiesta di patteggiamento della condanna, patteggiamento che è stato accolto. Il commercialista Alessandro Gelormini e l’imprenditore Francesco Truda, sono stati dunque condannati a una pensa di due anni, al termine di un processo per corruzione. I due sono stati coinvolti nella vicenda di corruzione, legata ad alcune verifiche fiscali portate a termine da due militari della guardia di finanza. Le due fiamme gialle hanno invece incassato una condanna a due anni e otto mesi di reclusione, si tratta di Saverio D’Avanzo e Giuseppe Mauriello. Secondo la ricostruzione dell’accusa, sarebbe stata elargita una tangente di quattromila euro, in cambio di verifiche fiscali morbide. La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Mattino.