La Polfer ha fermato il transito dei passeggeri per consentire le operazioni di verifica dell’allarme

Erano circa le 8.30 di stamattina quando e’ scattato l’allarme per un pacco sospetto nella stazione centrale di Napoli. Gli agenti del Compartimento di Polizia Ferroviaria per la Campania, in servizio di pattuglia all’interno dello scalo ferroviario partenopeo, hanno notato un bagaglio abbandonato sotto un pilastro al centro galleria. La borsa, celata dietro alcuni tabelloni pubblicitari, era stata depositata da ignoti da poco, visto che la pattuglia, in un giro di perlustrazione effettuato pochi minuti prima, non aveva notato nulla di anomalo.

Sul posto agenti del gruppo Cinofili Antiesplosivi e del Nucleo Artificieri Antisabotaggio della Questura di Napoli. La Polfer ha anche fermato il transito dei passeggeri per consentire le operazioni di verifica dell’allarme. Sia il cane antiesplosivi che il Vidisco, un apposito apparato radiografico per rilevare l’eventuale presenza di ordigni all’interno della valigia hanno mostrato che non c’era nulla di sospetto; a quel punto un poliziotto specialista del Nucleo Artificieri di Napoli, indossata la tuta antiesplosione, ha proceduto all’ispezione, rilevando all’interno la presenza di soli indumenti. Il transito dei viaggiatori e’ ripreso regolarmente alle 10. Sono in corso indagini per risalire al proprietario del bagaglio anche con l’ausilio del sistema di videosorveglianza presente nella stazione.

ad