venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeUniversitàUniversità Parthenope di Napoli: a tutela dell’ambiente con il plastic free, i...

Università Parthenope di Napoli: a tutela dell’ambiente con il plastic free, i dettagli

L’Università Parthenope scende in campo per la salvaguardia dell’ambiente. Sono stati installati distributori di acqua e borracce con il logo del Centenario

Oggi giorno la tutela dell’ambiente è un passo molto importante che ognuno di noi dovrebbe fare per salvaguardare il nostro Pianeta. Anche se a piccoli passi, l’Università Parthenope di Napoli ha attivato un’interessante e utile iniziativa seguendo la strada del Plastic Free.

Nelle ultime settimane, infatti, l’Ateneo ha installato quattro punti di distribuzione di acqua potabile microfiltrata. In aggiunta 3500 borracce in alluminio da 70cc, in fase di distribuzione a tutti gli studenti del 1° e del 2° anno. Tale investimento è di circa 20mila euro.

L’architetto Luciano Esposito, del Dipartimento di Ingegneria, e colui che ha coordinato questo lavoro, ha così dichiarato:

“Un apparecchio ciascuno è stato installato in alcune delle nostre sedi. Al piano terra, a Villa Doria d’Angri, via Acton e Palazzo Pacanowski; al terzo piano al Centro Direzionale. Questi apparecchi eseguono una microfiltratura dell’acqua, eliminando residui, depositi e parte del sapore calcareo che si verificano nell’acquedotto pubblico”.

Si tratta di un generatore di raggi ultravioletti che interviene sulla presenza di eventuali batteri. Inoltre sul frontalino dell’apparecchio sono presenti tre bottoni che consentono agli utenti di caricare le borracce con acqua normale, frizzante o refrigerata. Sono stati collocati anche dei dispenser con soluzione disinfettante per le mani.

Tali distributori di acqua, inoltre, sono dotati di un contatore che segnala l’acqua che cammina della distribuzione, fornendo indicazioni sul consumo effettivo. Sia l’installazione che la manutenzione sono eseguite da Acquatec, una società leader in Campania che gestisce le case dell’acqua.

Questa iniziativa è stata proposta anche dai rappresentanti degli studenti e rientra:

“Nell’ambito della campagna Plastic Free lanciata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, a cui l’Ateneo ha aderito anche con l’auspicio di compiere ulteriori passi in questa direzione. Inoltre, siamo molto attivi sui temi ambientali con insegnamenti e Corsi di Laurea, con seminari, convegni e studiosi con competenze specifiche proprio su questi argomenti”.

Articoli Correlati

- Advertisement -