lunedì, Novembre 29, 2021
Home Inchieste e storia della camorra Rimborso ai volontari delle Universiadi, se ne sono accorti pure gli altri

Rimborso ai volontari delle Universiadi, se ne sono accorti pure gli altri

- Advertisement -

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

 

di Giancarlo Tommasone

Anche la stampa cittadina sembra essersi accorta dei 5.600 volontari che si sta cercando di reperire per le Universiadi e del fatto che verranno pagati con un rimborso che si attesta su una ventina di un euro al giorno. Eppure la notizia è stata riportata in maniera passiva, raccogliendo quello che è stato diffuso ieri dal commissario Gianluca Basile, che ha parlato della questione presentando il campione di boxe Patrizio Oliva, scelto quale testimonial della campagna per i volontari da impiegare durante lo svolgimento dei giochi studenteschi.

La campagna di Stylo24 si è svolta attraverso
una inchiesta a puntate avviata lo scorso 13 febbraio

Il nostro quotidiano, l’unico a farlo, si è interrogato circa l’opportunità da parte di chi si sta occupando dei giochi studenteschi, di reclutare migliaia di giovani senza corrispondere loro il benché minimo rimborso (5.600 volontari da coinvolgere a titolo gratuito a fronte di un investimento totale di oltre 200 milioni di euro). Nel corso della nostra «battaglia», sul tema, abbiamo raccolto anche le considerazioni del prete anticamorra don Aniello Manganiello, dell’ex presidente Aru, Raimondo Pasquino e del vice coordinatore per la Campania di Forza Italia, presidente dell’associazione Nord e Sud, ed ex assessore regionale al Lavoro, Severino Nappi.

Tutti d’accordo rispetto al fatto che gli organizzatori avrebbero dovuto prevedere un rimborso spese per i volontari da impiegare. L’inchiesta giornalistica di Stylo24 ha dato, inoltre, il la per una interrogazione consiliare presentata dal capogruppo di Forza Italia a Palazzo Santa Lucia, Armando Cesaro. Proprio in occasione della presentazione del documento (il 20 febbraio) abbiamo ascoltato il commissario Gianluca Basile.

Basile, appresa da noi
la notizia dell’interpellanza,
ha cominciato ad aprire
alla possibilità di corrispondere
un rimborso ai volontari

A un mese dalla partenza della nostra inchiesta, il 14 marzo scorso, abbiamo nuovamente interpellato il commissario Basile, che relativamente al pagamento del lavoro dei volontari, ha dichiarato: «E’ previsto un rimborso spese di circa 20 euro al giorno. Ogni volontario sarà impiegato a rotazione per 5-6 giorni. Stiamo facendo un discorso complessivo anche con la Protezione civile, va fatto un piano di rimborso spese uniforme per tutti i volontari. Stiamo lavorando in questo senso anche per comprendere come muoverci dal punto di vista normativo». In ogni caso, e in che modo o meno ci si muoverà dal punto di vista normativo, c’è da sottolineare che comunque, 20 euro al giorno rappresentano un rimborso veramente irrisorio.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata

- Advertisement -

Leggi anche...

- Advertisement -
Riproduzione Riservata