giovedì, Febbraio 2, 2023
HomeNotizie di AttualitàUna settimana di iniziative per ricordare Annalisa Durante

Una settimana di iniziative per ricordare Annalisa Durante

Le attività, rivolte agli istituti scolastici e ai giovani di tutte le fasce d’età, saranno presentate martedì 24 gennaio

di Francesca Piccolo

IV Edizione del premio nazionale Annalisa Durante – «Un’Opera per Annalisa» è il bando aperto dal 18 al 24 febbraio 2023 con un’intera settimana di iniziative organizzate come ogni anno per tenere viva la sua luce. Le attività, rivolte agli istituti scolastici e ai giovani di tutte le fasce d’età, saranno presentate martedì 24 gennaio ore 12:15 in conferenza stampa presso la Biblioteca di Forcella, via Vicaria Vecchia 24.

«Il Premio di quest’anno sarà anche l’occasione per guardare ad un intenso percorso di solidarietà e di promozione della cultura della legalità fatto dai tutti noi volontari – ci dichiara Pino Perna presidente dell’associazione intitolata ad Annalisa. «La sua memoria testimoniata da tanti ragazzi con opere pittoriche, disegni, attività di lettura, ha illuminato gli angoli più bui di un quartiere difficile come Forcella, che ha dovuto fare i conti – precisa Perna –  con questa tragedia ed accettare un «modo pubblico e partecipato» di farne memoria, così come può essere una reazione di civiltà». 

Il Premio Nazionale, promosso dall’associazione Annalisa Durante in collaborazione con la Fondazione Pol.i.s. ha visto la luce il 19 febbraio 2020, giorno in cui Annalisa avrebbe compiuto 30 anni. Da allora è divenuto un appuntamento annuale a cui partecipano le istituzioni cittadine, quest’anno non è mancata l’adesione del Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, dell’Assessore alla Formazione Professionale della Regione Campania Armida Filippelli, con il Direttore Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Ettore Acerra.

Perna: «Il nostro impegno uno dei tanti esempi di “anticorpi sociali”»

«Ci sono poi presenze miliari in questo percorso di testimonianza – ci spiega Pino Perna –  oltre al papà di Annalisa, Giannino Durante e a tantissimi volontari è con noi – spiega Perna – don Tonino Palmese anima operosa della cultura della legalità nella lotta contro tutte le mafie, anello d’acciaio con tutti i familiari delle vittime innocenti di camorra».

«Negli anni il nostro impegno è diventato uno dei tanti esempi di “anticorpi sociali del nostro territorio” – spiega Pino Perna –  portando sui volti di tanti adolescenti l’energia vitale di questa giovane ragazza, da Napoli in Sicilia a Torino con iniziative extra-scolastiche premiate in tante sedi importanti come la Presidenza del Consiglio dei Ministri grazie al concorso nazionale tra istituti dal titolo: «La Meridiana dell’Incontro».

Articoli Correlati

- Advertisement -