Piazza Nazionale, il murale in onore di Noemi Staiano

Questa mattina è stata inaugurata in piazza Nazionale un’opera raffigurante gli occhi della bambina ferita due anni fa per errore in un agguato.

E’ stato inaugurato questa mattina in piazza Nazionale il murale che raffigura Noemi Staiano. La bambina che il 3 maggio 2019 fu ferita per errore a Napoli, mentre, insieme alla nonna, si trovava proprio in quella piazza, nell’ambito di un agguato di camorra. L’obiettivo del raid, per il quale sono stati condannati i fratelli, Armando ed Antonio Del Re era Salvatore Nurcaro, 32 anni, ritenuto in passato vicino al clan Reale. La piccola, che all’epoca dei fatti aveva 4 anni, ha firmato il murale raffigurante i suoi occhi che si trova sul muretto dell’anfiteatro al centro della piazza.

A realizzarlo gli artisti Giulia Salamone, in arte Noeyes, e Vittorio Valiante, con il coordinamento di Inward Osservatorio sulla Creatività Urbana che promuove la street art e il muralismo.

ad

Alla manifestazione, promossa dai genitori di Noemi con la collaborazione della Fondazione Polis della Regione, del Comune e della IV Municipalità, hanno partecipato il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, l’arcivescovo di Napoli, Mimmo Battaglia, il prefetto di Napoli Marco Valentini nonché i rappresentanti delle Fondazioni Polis e Santobono.

All’evento ha preso parte la piccola Noemi, che è stata attivamente coinvolta nel progetto e ha colorato una parte del murale. “Tornare qui con Noemi non è facile perché qui ho rischiato di perdere mia figliaha raccontato Tania Esposito la mamma di Noemi – Napoli è nostra, Napoli è dei bambini, Napoli è di Noemi”. Per il prefetto di Napoli, Marco Valentini: “Questo murale che è stato dipinto in un luogo che due anni fa fu oggetto di un atto criminale aberrante è diverso rispetto a quelli che stiamo cancellando in giro per la città che rappresentano tutt’altro”.

Riproduzione Riservata