TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

E’ stata presentata la rinnovata stazione di Agnano, della ferrovia Cumana (gestione EAV) che collega Napoli Montesanto a Torregaveta via Pozzuoli.

La storia antica e recente, la stessa toponomastica della stazione di Agnano, la vicinanza con le antiche Terme e con la piscina Scandone (in via di restauro per l’appuntamento delle prossime Universiadi) hanno suggerito ai professori dell’Accademia di Belle Arti Rosaria Iazzetta e Paolo Prota, con gli allievi di Scultura e di Scenografia, di evocare il tema dell’acqua trasformando l’impatto percettivo e visivo della stazione, trasfigurata in una grande piscina olimpionica, con interventi di forte impatto: la pavimentazione degli spazi e delle banchine, realizzata in resina, la forma dei bordi, l’utilizzo delle tonalità del blu e dell’azzurro, le panchine a forma di “trampolini”, le corsie rappresentate sulle banchine in continuità con i binari stessi, la grande immagine del campione di nuoto che campeggia nell’ area di ingresso della stazione stessa.

 

L’opera dipinta da Kerotoo sull’edificio centrale (con il coordinamento di INWARD Osservatorio Nazionale sulla Creatività Urbana) rappresenta un insieme di suggestioni termali dall’antichità ad oggi: dalla coppia di antichi romani che giganteggia sulla facciata principale e osserva, attraverso una sorta di “stargate”, alcune donne dei nostri giorni rilassate alle terme, alla riproduzione sul lato corto della stazione del portale d’ingresso attuale al complesso delle terme di Agnano; dalle conche dove  immergersi, tra piante e bacili, alle anfore, una delle quali, a bordo opera, trabocca acqua, rendendo la suggestione dello sversamento costante sull’intera banchina/piscina.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT