venerdì, Maggio 20, 2022
HomeNotizie di CronacaUltime notizie dall’area flegrea di Napoli

Ultime notizie dall’area flegrea di Napoli

Pozzuoli | Consegnati alloggi a 80 famiglie che dal terremoto dell’80 vivevano in container

Ad ottanta famiglie che per anni sono vissute nei campi container a seguito del terremoto del 1980 e del bradisismo degli anni 82-83, è stato consegnato, oggi, un alloggio di edilizia residenziale pubblica a Monterusciello. A darne notizia il sindaco, Vincenzo Figliolia: «Abbiamo raggiunto un duplice traguardo da un lato smantellare i prefabbricati e i container ancora esistenti sul territorio, dall’altro garantire una degna abitazione a quanti vivevano ancora in alloggi impropri a seguito del bradisismo».

L’amministrazione, utilizzando fondi regionali e comunali, ha realizzato cinque edifici contenenti ognuno 16 appartamenti, dai tre ai cinque vani. I beneficiari sono stati 76 nuclei familiari individuati nel 2002 con perizia giurata in quanto occupanti alloggi impropri sul territorio comunale (in via Carlo Alberto Dalla Chiesa e al Rione Toiano, altri nei prefabbricati ancora da demolire in località La Schiana e a Licola) e 4 famiglie classificate ai primi posti della graduatoria di assegnatari di alloggi Erp con autonoma sistemazione. L’assegnazione è avvenuta seguendo le linee di indirizzo approvate dal comune secondo criteri di giustizia e trasparenza. L’abbinamento nucleo familiare/unità alloggiativa è stato effettuato tramite sorteggio in seduta pubblica per ciascuna tipologia di abitazione, tenendo conto della composizione del nucleo familiare e del fatto che alcuni appartamenti erano già predisposti per soggetti con disabilità.

Pozzuoli | Torna capitello Foro via Rosini rubato nel 1988

Un capitello di età romana (II secolo d.C.) che era stato trafugato a Pozzuoli (Napoli) nel 1988, nel cortile dell’Educandato Femminile «Maria Immacolata» in via Carlo Rosini, è stato recuperato nell’ambito di un sequestro giudiziario dal Comando carabinieri Tutela patrimonio culturale del Nucleo di Ancona, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Napoli. L’area corrisponde a quella del Foro dell’antica Puteoli, individuato grazie al rinvenimento di epigrafi nell’Ottocento; su di esso vi erano i principali monumenti pubblici della città, tra i quali un portico con colonne e pavimento in marmo, le cui decorazioni sono oggi esposte al Museo Archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia e presso l’Anfiteatro di Pozzuoli.

L’individuazione del capitello è stata resa possibile, rileva una nota, «grazie alla sinergia tra i Carabinieri del Nucleo Tutela di Ancona, con la direzione del comandante Carmelo Grasso e del maresciallo Ivan della Ceca, e la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Napoli guidata dalla soprintendente Teresa Cinquantaquattro, riconoscendo il manufatto tra i beni illecitamente sottratti». «Preso atto della rilevanza del reperto recuperato e data l’importante testimonianza rappresentata dallo stesso per il territorio puteolano», si evidenzia, «il 25 gennaio il capitello farà ritorno a Pozzuoli, scortato dalle forze dell’ordine e accolto dalla funzionaria archeologa della Soprintendenza Maria Luisa Tardugno, per essere temporaneamente sistemato nell’Anfiteatro Flavio di Pozzuoli, grazie alla collaborazione offerta dal Parco Archeologico dei Campi Flegrei».

Quarto Flegreo | Villa del Torchio in Parco flegreo

La Villa rustica di epoca romana, ribattezzata Villa del Torchio, che sorge in località Spinelli a Quarto, sull’ antica via Consolare Campana, è stata inserita ufficialmente nel Parco Archeologico dei Campi Flegrei. Ne dà notizia il sindaco di Quarto, Antonio Sabino, che aveva avanzato richiesta lo scorso anno al ministro della Cultura, Dario Franceschini. Si apre, adesso, una nuova fase e nuove prospettive di collaborazione tra il comune ed il Parco flegreo. Ieri pomeriggio il primo incontro operativo.

«Il modello al quale stiamo lavorando in sinergia con il Parco – ha informato Sabino – è quello dell’Accordo di Partenariato come previsto dal Codice degli appalti. Un nuovo modello di gestione e valorizzazione innovativa, già sperimentato per Piscina Mirabilis e Macellum, che rientra anche nella più ampia prospettiva di marketing territoriale per Procida 2022». Piena soddisfazione viene espressa dai responsabili del Parco dei Campi Flegrei per l’inserimento di una importante testimonianza storica nel proprio ambito di competenza. «Siamo già al lavoro per sviluppare un piano di valorizzazione che possa dare il giusto risalto alla Villa del Torchio come luogo della memoria antica, perno per il futuro sviluppo del territorio e generatore di opportunità culturali e sociali» – ha detto Fabio Pagano, direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei.

Leggi anche...

- Advertisement -