venerdì, Ottobre 7, 2022
HomeNotizie di CronacaUltime notizie dall'area flegrea di Napoli

Ultime notizie dall’area flegrea di Napoli

Recuperati in mare 700 chili di pneumatici

Sono stati recuperati dai fondali di Posillipo ed avviati al corretto recupero dal Consorzio EcoTyre circa 100 pneumatici, per un totale di oltre 700 kg. L’operazione iniziata questa estate ha visto impegnati gli uomini del 2 Nucleo operativo subacqueo della Guardia Costiera in un’azione di perlustrazione dei fondali mirata all’individuazione di questa particolare categoria di rifiuti.

Purtroppo infatti e’ ancora viva l’attivita’ di smaltimento illegale di pneumatici usati, che spesso vengono dati alle fiamme o abbandonati in mare. I sommozzatori hanno iniziato la perlustrazione proprio dai meravigliosi fondali dell’ Area marina Protetta di Gaiola, che sono risultati non interessati da questa problematica anche grazie al costante lavoro di monitoraggio e pulizia dei fondali che viene svolto dal personale dell’AMP.

Da qui si sono quindi spostati all’esterno dei confini del Parco dove hanno potuto individuare alcune criticita’. A fine operazioni oltre 70 copertoni di automobile sono stati individuati sparsi lungo la costa di Posillipo e radunati dagli esperti subacquei della Capitaneria nei pressi della boa di segnalamento del Parco per essere poi rimossi definitivamente dai fondali.

Il Parco Sommerso di Gaiola parallelamente si e’ interessato per individuare la miglior soluzione per lo smaltimento dei copertoni offerta infine dal Consorzio EcoTyre, eccellenza nel settore, che si occupa di dare nuova vita agli pneumatici fuori uso. I copertoni recuperati dai fondali di Posillipo diventeranno quindi superfici per impianti sportivi, materiale per l’isolamento termico o altri manufatti.

Ieri mattina e’ quindi scattata l’operazione di recupero che ha visto coinvolti gli uomini del Nucleo operativo subacqueo della CP e due motovedette in superficie, coordinati dal Reparto operativo della Direzione marittima della Campania. Gli Pneumatici recuperati dai fondali sono stati sbarcati presso il porto di Pozzuoli e quindi presi in carico dal Consorzio EcoTyre per essere riciclati.

Agli oltre 70 copertoni raccolti sui fondali di Posillipo dalla Guardia costiera, se ne sono aggiunti altri 30 raccolti dalla cooperativa mitilicoltori di Nisida sui fondali di Coroglio per un totale di oltre 700 Kg di materiale. Lo pneumatico giunto a fine vita se lasciato in natura, e’ un rifiuto detto permanente, cioe’ impiega centinaia di anni per degradarsi, mentre se gestito nel modo corretto e’ una risorsa riciclabile al 100%.

“L’operazione odierna costituisce esito di una costante ed attenta attivita’ di monitoraggio svolta al fine di prevenire e, quando necessario, reprimere, condotte in danno dell’ambiente e degli ecosistemi. Una attivita’ che si sviluppa in ambito nazionale e locale con un approccio strategico che beneficia di un patrimonio unico di informazioni e conoscenze che il Corpo ha acquisito in anni di impegno a tutela dei territori. Rappresenta inoltre un ulteriore e virtuoso esempio di ottima sinergia tra Istituzioni, enti ed impresa privata, un plusvalore che rende gli interventi sempre piu’ efficaci e puntuali”, sottolineano alla Capitaneria di Porto di Napoli.

” Questa e’ un’operazione importante non solo per il valore ambientale, ma anche dall’alto valore simbolico, nata dalla stratta collaborazione tra soggetti diversi. Un’Area marina Protetta non deve guardare solo dentro i suoi confini perche’ il mare non ha confini e siamo, quindi, contenti di aver dato il nostro piccolo contributo alla pulizia delle aree costiere esterne al Parco. Ringraziamo gli uomini della Guardia Costiera per il loro impegno ma anche il Consorzio Ecotyre che ha permesso di chiudere il cerchio di questa importante operazione. Ci tenevamo che questi pneumatici che per tanti anni hanno rappresentato una fonte di inquinamento dalla nostra costa fossero trasformati in qualcosa di utile per tutti.”, dice Maurizio Simeone, Direttore AMP Parco Sommerso di Gaiola.

“Grazie alle iniziative come questa di oggi e come Puliamo il Mondo con Legambiente e come PFU Zero sulle coste italiane con Marevivo, riusciamo a sensibilizzare sempre piu’ cittadini. La filiera di raccolta di PFU, infatti, da anni raggiunge gli obiettivi di legge ed e’ quindi un fiore all’occhiello in Europa e le nostre campagne di sensibilizzazione funzionano: a dimostrazione di questo, con grande orgoglio, troviamo sempre meno PFU abbandonati”, conclude Enrico Ambrogio, Presidente di EcoTyre.

Bracconaggio e abbandono rifiuti nel Nolano e agli Astroni

La Polizia Metropolitana di Napoli ha reso noto il bilancio delle tre giornate di pattugliamenti effettuate dalla task force contro il bracconaggio e l’abbandono di rifiuti messa in campo dal Comandante Lucia Rea. “Ad eseguire i controlli 8 unità del Corpo di Polizia della Città Metropolitana e una decina di guardie volontarie venatorie e zoofile di Lipu e WWF, storiche associazioni ambientaliste.

Due le aree perlustrate. Nella prima, afferente ai territori dei comuni di Nola, Palma Campania e Scisciano, la Polizia Metropolitana e le guardie Lipu hanno denunciato alla Procura della Repubblica un cacciatore per aver abbattuto tre tordi bottacci con l’ausilio di un richiamo acustico elettromagnetico vietato. Sequestrati un fucile calibro 12, nove cartucce, i tre tordi morti e il richiamo vietato. Il cacciatore era sprovvisto di polizza assicurativa e non aveva pagato le tasse per esercitare l’attività venatoria. Inoltre esercitava la caccia ad una distanza inferiore ai 100 mt. dalle abitazioni con grave pericolo per l’incolumità pubblica. Altri due cacciatori sono stati verbalizzati per violazioni amministrative. Rilevati numerosi abbandoni di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi nelle campagne, che sono stati prontamente segnalati ai Comuni di competenza per la rimozione e la bonifica. Il totale delle sanzioni amministrative comminate è pari a circa 3000 euro. Tra ottobre e novembre è intensa la migrazione autunnale dei tordi, oggetto di vere e proprie stragi a causa del diffuso utilizzo di richiami vietati, tecnologicamente avanzati in quanto dotati anche di telecomando.

La seconda area è, invece, quella della Riserva naturale dello Stato Cratere degli “Astroni” e Parco regionale dei Campi Flegrei (Napoli). Il blitz della Polizia Metropolitana e delle guardie volontarie del WWF ha condotto al sequestro di un impianto acustico illegale finalizzato ad attirare la fauna selvatica, celato in una cassetta di ferro zincato cementata al suolo e chiusa con un lucchetto blindato. Il sistema era alimentato da una batteria per auto sostenuta da un pannello fotovoltaico. L’impianto veniva attivato nelle ore notturne, grazie all’ausilio di un timer, per attirare le quaglie, che venivano poi abbattute alle prime luci del giorno. Una attività di caccia vietata, per giunta svolta in un territorio protetto. L’impianto è stato individuato mediante gli innovativi sensori acustici Guardian, forniti da RainForestConnection, Ong statunitense, installati presso la Riserva. I sensori ‘ascoltano’ il bosco e attraverso un complesso sistema di Intelligenza Artificiale riconoscono e classificano i suoni. Essi sono in grado di riconoscere l’abbaio dei cani, lo sparo da arma da fuoco, il motosega e tante altre emissioni sonore. Gli operatori del WWF ricevono un’allerta sul proprio smartphone in tempo reale che veicolano alla Polizia Metropolitana.

La sinergia tra istituzioni e volontari per la tutela dell’ambiente e degli animali, quale quella messa in campo con la task force dalla Polizia Metropolitana, è anche oggetto di uno studio in corso da parte di due antropologi ricercatori dell’Università di Paris Nanterre et CNRS (Laboratorio di etnologia e sociologia comparative), Giovanni Gugg e Vanessa Manceron, nell’ambito del progetto internazionale ‘Ruling on Nature. Animals and Environment before the Law’ (RULNAT)”.

Articoli Correlati

- Advertisement -