TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Non ci sarà nessuna revisione della condanna all’ergastolo per Ugo De Lucia, il killer della camorra accusato di aver ucciso Gelsomina Verde, la ragazza napoletana di 22 anni torturata e bruciata nel 2004 nell’ambito delle violenze della ‘faida’ di Scampia tra gli ‘scissionisti’ e il clan Di Lauro in lotta per il predominio nello spaccio.

ad
Gelsomina Verde, vittima della barbarie camorrista
Gelsomina Verde, vittima della barbarie camorrista

Lo ha deciso la Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso con il quale De Lucia sosteneva che ‘pentiti’, non meglio identificati, lo scagionerebbero.

 

Gelsomina venne seviziata per costringerla a rivelare il nascondiglio di Enzo Notturno degli ‘scissionisti’. La ragazza non era in grado di fornire notizie: fu uccisa a colpi di pistola e bruciata nella sua auto. Per gli ‘ermellini’, il killer non ha “alcun documento o atto che possa richiamarsi al concetto di ‘prova nuova’ limitandosi a lamentare l’esistenza di mere asserzioni prive di qualsiasi sostegno”.

Ugo De Lucia sta scontando l’ergastolo a Padova

Confermata l’ordinanza della Corte di Appello di Roma che il 31 maggio 2018 aveva detto ‘no’ alla revisione della condanna emessa dalla Corte di Appello di Napoli il 19 aprile.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata