Sì alla Premier League, ma solo dopo il 1° giugno. Via libera in Inghilterra allo sport professionistico, e dunque anche al campionato, che potrà ripartire, ovviamente a porte chiuse, dall’inizio del prossimo mese

di Stefano Esposito

È quanto ha deciso il governo presieduto da Boris Johnson, presentando i dettagli della fase due della gestione per l’emergenza da coronavirus. Nelle sue dichiarazioni precedenti il premier britannico aveva fatto sorgere qualche dubbio: in particolare la frase (“sì allo sport, da mercoledì 13, ma soltanto tra conviventi”), era stata frutto di interpretazioni non univoche. Ma i dubbi ora sono superati, la Premier può riaprire i battenti.

ad