martedì, Novembre 29, 2022
HomeNotizie di CronacaUccisero il poliziotto Lino Apicella, sentenza choc in primo grado: niente ergastolo...

Uccisero il poliziotto Lino Apicella, sentenza choc in primo grado: niente ergastolo per i tre banditi

La Corte d’assise di Napoli sconfessa la linea della Procura: la pena più alta, 26 anni di reclusione, per l’autista che ha puntato la volante a calata Capodichino

di Luigi Nicolosi

Niente ergastolo per i banditi che hanno assassinato il poliziotto Pasquale Apicella. I giudici della terza sezione della Corte d’assise di Napoli hanno condannato Fabricio Hdzovic a 26 anni di reclusione; Admir Hadzovic e Igor Adzovic a 18 anni. A inizio maggio la Procura aveva invocato il massimo della pena, cioè l’ergastolo, per tutti e tre gli imputati. Il verdetto emesso oggi pomeriggio è stato accolto con profondo sgomento non soltanto dalla pubblica accusa, ma anche dai familiari dell’agente scelto, i quali ritengono che la sentenza di primo grado non abbia assolutamente fatto giustizia.

I tre ladri la notte del 27 aprile 2020, usarono la loro potente Audi come un’arma scagliandosi a fortissima velocità contro la “pantera” a bordo della quale c’era Apicella che ostruiva loro il passaggio. Un quarto componente della banda, che prese parte al furto ma non all’omicidio, è stato già giudicato e condannato con il rito abbreviato a sei anni di reclusione per reati minori. Sul banco degli imputati sono così rimasti Fabricio Hadzovic, 40 anni, l’autista dell’Audi “A6” che si è scontrata a tutta velocità a calata Capodichino contro la “pantera” della polizia sulla quale si trovata Pasquale Apicella; Admir Hadzovic, 27 anni, e il 39enne Igor Adzovic. L’ultimo componente la banda è Renato Adzovic, 23 anni. Le richieste erano state formulate al termine della requisitoria dai sostituti procuratori Cristina Curatoli e Valentino Battiloro, che hanno guidato le indagini sotto il coordinamento del procuratore aggiunto Rosa Volpe. Giuliana Ghidotti, la moglie di Apicella, è di recente entrata in polizia dopo avere frequentato un corso riservato ai familiari delle vittime del dovere nella Scuola Allievi di Caserta. 

Articoli Correlati

- Advertisement -