Concertone di Capodanno, l'assessore Eleonora De Majo insieme a Stefano Bollani (fonte foto pagina Facebook di Eleonora De Majo)

L’affidamento diretto alla Ge.Di. di Marcello Niespolo (componente della famiglia proprietaria di Radio Kiss Kiss)

di Giancarlo Tommasone

Con una determina dirigenziale (la numero 1 del 17 dicembre 2019) il Comune di Napoli ha provveduto all’affidamento diretto dell’organizzazione artistica per la notte di Capodanno 2019-2020 in Piazza del Plebiscito e sul Lungomare Caracciolo. Ad aggiudicarsi l’organizzazione dei suddetti eventi, la Ge.Di. Srl (legale rappresentante Marcello Niespolo). L’importo da riconoscere alla ditta, ammonta a un totale di 300mila euro, tonda tonda, vale a dire 245.901,64, a cui aggiungere l’Iva al 22% (pari a 54.098,36 euro). L’affidamento è avvenuto tramite procedura negoziata, che, secondo legge, non impone previa pubblicazione di un bando di gara, e segue la richiesta pervenuta agli uffici comunali competenti, da parte di Ge.Di. La ditta ha sede in Via Imperatrice, a Napoli, e come scritto in precedenza, vede in Marcello Niespolo, il proprio rappresentante legale. Quest’ultimo fa parte della famiglia proprietaria di Radio Kiss Kiss.

ad
Livio Cori

Che tra l’altro, attraverso lo staff del network (conduttori, dj e speaker) ha partecipato attivamente alla realizzazione non solo del concerto in Piazza del Plebiscito (durante il quale la platea ha potuto assistere alle performance live di Stefano Bollani, Daniele Silvestri e Livio Cori), ma anche degli eventi che si sono svolti sul Lungomare Caracciolo, nella 4 aree disco allestite tra Largo Diaz, Piazza Vittoria, Via Partenope e Borgo Marinari. Kiss Kiss ha fatto quindi da radio ufficiale agli eventi di Capodanno. Il network in questione, segue spesso le manifestazioni organizzate da Palazzo San Giacomo; tra l’altro, proprio su Radio Kiss Kiss, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ogni venerdì, dalle 19 alle 20, è protagonista, affiancato dallo speaker Valter De Maggio, della trasmissione «Fuori dal Comune».