Il consigliere comunale Vincenzo Moretto
Il consigliere comunale Vincenzo Moretto

«Chiederò al presidente di convocare subito la commissione Trasparenza e di inserire all’ordine del giorno la questione relativa al trasferimento dei vigili letta su Stylo24». Il consigliere comunale Vincenzo Moretto, che fa parte dell’organo consiliare di controllo degli atti, intende approfondire motivazioni e gestione dei «movimenti» (leggi) decisi dal comando della polizia municipale nei confronti di tre dei sette capitani firmatari della denuncia per falso a carico del comandante Ciro Esposito e dell’assessore al ramo, Alessandra Clemente (leggi). Vigili a loro volta controquerelati per calunnia (leggi).

Il comandante della polizia municipale, Ciro Esposito
Il comandante della polizia municipale, Ciro Esposito

«Non sappiamo perché ci sono stati questi trasferimenti – commenta Moretto – e, al di là di tutto, credo che sia inopportuno adottarli subito dopo l’approvazione di una delibera che politicamente è ben poco convincente».
«Staremo a vedere – commenta – come e perché sono stati motivati questi provvedimenti che colpiscono persone che, a torto o a ragione, questo spetterà alla magistratura deciderlo, hanno avuto il coraggio di denunciare quello che, ai loro occhi, ovvero la promozione di altri colleghi, è un torto».

ad
L'assessore comunale Alessandra Clemente
L’assessore comunale Alessandra Clemente

Come scritto da Stylo24, il comandante Ciro Esposito, nell’esercizio delle sue funzioni, ha deciso che un sottufficiale, che ricopriva il ruolo di coordinatore, fosse distaccato presso gli uffici di Via De Giaxa a occuparsi di servizi informatici mentre a un altro fossero cambiate le mansioni precedentemente svolte. L’ultimo, infine, è stato trasferito da Chiaia, dove prestava servizio, a Soccavo.

Il sindaco Luigi de Magistris e il capo di Gabinetto, Attilio Auricchio
Il sindaco Luigi de Magistris e il capo di Gabinetto, Attilio Auricchio

«Una scelta del comando fuori luogo, certamente in questo momento – prosegue Moretto –. Non contestiamo la libertà del comandante di decidere in autonomia, ma vorremmo capire se i trasferimenti fanno parte di un più ampio piano di riorganizzazione o se sono limitati solo a questi due casi, e perché. E inoltre siamo interessati a capire tempi e modi di questa riorganizzazione».
«Apriamo una discussione in commissione Trasparenza su questi argomenti – conclude l’esponente di centrodestra – sia nel merito che nel metodo. Era necessaria, ripeto, questa scelta subito dopo l’approvazione della delibera di promozione di 50 maggiori? Credo che sia legittimo e doveroso che il consiglio comunale se ne occupi».

Riproduzione Riservata