TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Una banda sardo-campana è stata sgominata ad Alghero. Era proprio la città della costa nord-occidentale dell’isola, l’epicentro degli affari del gruppo scompaginato dal nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Sassari e dal servizio centrale investigazione criminalità organizzata di Roma, che hanno interagito sotto il coordinamento della Dda di Cagliari.

Ad Alghero avevano piazzato
la propria base i grossisti
di origine salernitana
che ricevevano
la cocaina proveniente
da oltre Tirreno a bordo
di autoarticolati, soprattutto
di quelli che trasportavano piante e fiori

Stavano ad Alghero, da dove fornivano la loro rete sino a Olbia, e a Macomer, piazza attraverso cui gestivano la loro fetta di mercato nel Nuorese. Ma Alghero e il suo centro storico, in tempi di crisi economica per il territorio, era diventata ideale anche per gli affari immobiliari e commerciali dell’organizzazione, che comprando attività di ogni genere e appartamenti da destinare a uso turistico ripulivano gran parte dei soldi guadagnati.

Dei quattro arresti di oggi, uno è stato eseguito proprio
in questa parte dell’isola e riguarda l’unico sardo coinvolto

Gli altri, tutti originari della provincia di Salerno e contigui o affini a persone già coinvolte in illeciti e accusate di far parte di uno dei clan camorristici locali, sono stati arrestati in Campania.

Durante le indagini era stato
già messo a segno
qualche altro colpo,
con ben nove casi di flagranza

Abbastanza da portare alcune delle persone coinvolte a capire che gli investigatori erano sulla pista giusta, inducendole così a lasciare Alghero e la Sardegna per provare a cercare altre piazze.

Non a caso nell’ambito della stessa operazione, che prosegue e che ha coinvolto oltre cento militari, oggi sono state eseguite diverse perquisizioni anche nel Lazio, in Abruzzo e in Toscana.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT