Il 40enne pregiudicato portava avanti le sue attività illecite soprattutto nei locali della costiera amalfitana e nell’hinterland oplontino.

Beni per un valore di circa 400mila euro sequestrati ad uno spacciatore. Ad eseguire il decreto, emesso dalla sezione Misure Prevenzione del tribunale di Napoli su proposta della Procura di Torre Annunziata (Napoli) sono stati i militari del gruppo della Guardia di Finanza oplontina. Destinatario Francesco Guarro, pregiudicato di 40 anni, noto alle forze dell’ordine per la sua attività illecita di spaccio di sostanze stupefacenti presso le discoteche della costiera amalfitana (specie a Vetri sul Mare) e soprattutto nell’hinterland oplontino.

“La sua pericolosità sociale – scrive in una nota il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata facente funzioni, Pierpaolo Filippelli – risale almeno al 2009 ed è stata confermata dalle successive e reiterate condotte delittuose, sino ad epoca recente, come risulta evidente dall’ultimo sequestro, eseguito nei suoi confronti a Torre Annunziata nel 2018, di una partita di cocaina suddivisa in varie dosi rinvenuta all’interno della sua auto”.

ad

Il sequestro è stata eseguito in particolare dagli uomini della compagnia della Guardia di Finanza di Torre del Greco, che ha sequestrato denaro per oltre 106 mila euro depositato su due conti correnti e un appartamento di pregio, che si affaccia sul lungomare della città vesuviana con vista sul golfo di Napoli (con annesso garage), per un valore di circa 280 mila euro.