Ritrovati anche 2 bossoli esplosi e calibro 9×21.

I carabinieri di Torre Annunziata (Napoli), nel proseguo dei servizi di controllo del territorio, hanno eseguito una nuova operazione “Alto impatto” nel quartiere popolare “Penniniello”, procedendo all’esecuzione di perquisizioni per interi blocchi di edificio. Nell’isolato 21 sono stati rinvenuti 31 grammi di cocaina, 76 grammi di marijuana, 2 bilancini di precisione e diverse bustine per il confezionamento delle dosi. La “merce” era nascosta in diversi nascondigli ricavati nei gradini della scala comune ed in alcuni incavi nel muro.

Nelle fondazioni dello stabile, è stato scoperto un impianto destinato con tutta probabilità alla coltivazione illegale di canapa indica. Delle serre in tela cerata, lampade alogene ed allacci abusivi alle condutture idriche e alla rete elettrica, erano state predisposte in un luogo completamente nascosto alla vista dall’esterno. Trovati anche diversi vasi ancora riempiti di terriccio, mentre la coltivazione era già stata molto probabilmente rimossa nei giorni precedenti. Sono stati trovati anche 2 bossoli esplosi e calibro 9×21.

ad

Durante le operazioni sono stati individuati 4 allacci abusivi alla rete elettrica. In un caso i cavi erano direttamente collegati alla rete comunale con un danno all’ente pubblico. Denunciate all’Autorità Giudiziaria 5 persone. L’operazione è stata eseguita insieme ai militari del Reggimento Campania e da un elicottero del Nucleo Elicotteri di Pontecagnano, hanno eseguito una nuova operazione “Alto Impatto” nel quartiere.