giovedì, Giugno 30, 2022
HomeNotizie di SocietàL'imprenditrice della moda contro i giovani: «Lo Stato li mantiene e loro...

L’imprenditrice della moda contro i giovani: «Lo Stato li mantiene e loro arrotondano facendo i dog sitter»

di aemme

C’è anche Tiziana Fausti nel “club” degli imprenditori indignati dalle nuove generazioni. Imprenditori che, interpellati a mezzo stampa, hanno più volte ammesso di faticare a individuare giovani disposti al “sano sacrificio”. Ed è francamente superfluo sottolineare che questi discorsi suscitano sempre un vespaio di polemiche, soprattutto se si vanno a mettere a fuoco le garanzie contrattuali offerte dagli stessi imprenditori indignati. D’altro canto, è fuor di dubbio che il reddito di cittadinanza – e una certa atavica pigrizia tipicamente italica – pongono seri dubbi sull’affidabilità di tante (forse troppe) persone. Ma questa è chiaramente un’altra storia.

L’affondo di Tiziana Fausti

Interpellata sull’argomento, Tiziana Fausti reagisce così. Queste le sue parole rilasciate al Corriere di Bergamo: “Vedo gente che pensa solo a chiedere e basta… Per forza non si trova personale nei ristoranti, lo Stato li mantiene a casa con la Naspi e il Reddito di cittadinanza. Così fai lavoretti, fai il dog sitter e lo stipendio te lo porti a casa lo stesso. Sperando che arrivi la fine del mondo e senza mai pensare al futuro. Quello che chiedo – prosegue l’imprenditrice attiva nel campo della moda- è che ci sia almeno l’attitudine a fare qualcosa. Non pretendo che tutti siano delle quali reali anche se ogni tanto qualche aquila arriva. Leopardi aveva scritto l’Infinito a 19 anni, ma questi non sanno né scrivere né parlare. Questi ai contratti chiedono solo weekend liberi e niente straordinari”.

Leggi anche...

- Advertisement -