Luigi de Magistris, sindaco di Napoli
Luigi de Magistris, sindaco di Napoli

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Dopo il blocco della spesa imposto al Comune dalla Corte dei Conti (a causa di bilanci fantasiosi e non veritieri, come scrive la magistratura contabile), i dirigenti di Palazzo San Giacomo mettono un freno alle indennità dei dipendenti comunali. È notizia di queste ore lo stop ai buoni pasto per i lavoratori del Municipio, che riceveranno soltanto quelli di luglio e agosto. Da settembre per il pranzo dovranno provvedere da soli.

Sul piede di guerra i sindacati, che sono pronti
al braccio di ferro con l’amministrazione.

«È un diritto negato» spiegano, anche se in realtà, da contratto nazionale di lavoro, i ticket mensa sono trattati alla stregua delle indennità dei lavoratori e vanno commisurati all’orario di lavoro.
Nelle stanze del palazzo di piazza Municipio cova rabbia e incredulità. Non era mai accaduto da vent’anni a questa parte di ritrovarsi dinanzi ad una situazione di una gravità tale da pregiudicare l’assegnazione dei ticket. Il Comune in parole povere si trova in una fase di dissesto non dichiarato, come si evince dall’ultima relazione della Corte dei Conti. Uil e Cgil stanno già organizzando la controffensiva: «Tagliassero gli stipendi ai super dirigenti o cominciassero a dire addio agli staffisti, invece di far pagare questa situazione ai lavoratori». Pronta per il 4 e 5 ottobre un’assemblea dei lavoratori al Maschio Angioino.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT