giovedì, Giugno 30, 2022
HomeNotizie di Politica«Terra Nostra», Bassolino presenta il suo nuovo libro al teatro Sannazaro

«Terra Nostra», Bassolino presenta il suo nuovo libro al teatro Sannazaro

All’evento parteciperanno Vincenzo Accurso, Gianni Cuperlo, Cristina Donadio e Anna Trieste

«Tra battaglie condotte sul campo e prospettive sul futuro, sono molti gli spunti e i temi che l’autore affronta: dal bilancio alla struttura del Comune, dal paesaggio urbano al rilancio del porto, dall’annosa vicenda della gestione dei rifiuti al delicato equilibrio tra poteri centrali e locali, perché non vadano sprecate le risorse offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza». Così Marsilio descrive “Terra nostra. Napoli la cura e la politica”, l’ultimo libro di Antonio Bassolino, candidato a sindaco di Napoli, in uscita e che l’autore presenterà giovedì 26 agosto alle 18 al Teatro Sannazaro di Napoli, in un dialogo a cui parteciperà anche Gianni Cuperlo, membro della direzione nazionale del Pd.

Il libro, sarà in distribuzione nelle librerie appunto da giovedì e segue “Le Dolomiti di Napoli”, scritto nel 2013, proseguendo il racconto del lungo rapporto che lega Bassolino a Napoli, una storia fatta di periodi fecondi e di momenti difficili, che tuttora continua e si rinnova.

«Oggi – si legge nella presentazione della casa editrice – Bassolino sceglie di inaugurare un’altra fase del suo impegno a favore della città, confrontandosi con le tante sfide che ha imparato a conoscere dagli esordi nell’amministrazione e con quelle poste dall’emergenza attuale. Se cambiano i mezzi attraverso i quali la politica agisce e si fa rapporto con la cittadinanza, immutato è lo slancio con cui, forte dell’esperienza alla guida del Comune e della Regione, superata la lunga vicenda giudiziaria che lo ha visto protagonista di 19 processi finiti con altrettante assoluzioni, Bassolino espone progetti e piani per affrontare con gli strumenti di oggi le questioni che affliggono una terra ricca ma difficile». Una scelta in cui, sottolinea, «non c’è nostalgia o voglia di rivincita personale», ma la consapevolezza che «è attorno a una battaglia per Napoli che bisogna raccogliere forze. Dipende da ciascuno di noi e da tutti quanti noi. Ognuno deve cercare di fare la sua parte per il bene di Napoli, del Mezzogiorno e del paese».

Leggi anche...

- Advertisement -