Un’operazione di controllo del territorio, cui hanno preso parte 28 equipaggi – per un totale di 72 unita’ – dell’Esercito Italiano e delle Polizie locali, e’ stato realizzata nei comuni di Napoli, Giugliano in Campania, Afragola, Nola, Castel Volturno, Maddaloni, Marcianise, Mondragone. L’attivita’ e’ stata disposta dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi di rifiuti nella regione Campania.

Sono state controllate 6 attivita’ imprenditoriali e commerciali operanti nel settore della lavorazione di materiali ferrosi, dello stoccaggio di rifiuti ingombranti e della riparazione di veicoli; per quattro aziende e’ scattato il sequestro per violazioni della normativa ambientale e per mancanza delle previste autorizzazioni amministrative; in particolare i sigilli sono stati posti ad una autocarrozzeria e ad un’officina perche’ smaltivano illecitamente i rifiuti prodotti dall’attivita’ di impresa, mentre un’altra ditta utilizzava un terreno agricolo come deposito di veicoli, rifiuti, fusti contenenti oli esausti e carburanti, pneumatici e parti meccaniche. Il titolare di un’altra azienda e’ stato sanzionato per irregolare combustione di fogliame.

Durante i controlli sono stati individuati 4 nuovi siti di sversamento di rifiuti solidi urbani, olio esausto, elettrodomestici, eternit e materiale edile. In totale sono state controllate 12 persone di cui 5 denunciate all’autorita’ giudiziaria, e sono state contestate sanzioni amministrative per oltre 14.000 euro.