L'assessore comunale Alessandra Clemente
L'assessore del Comune di Napoli, Alessandra Clemente

Il numero dei deputati passerà a 400, mentre quello dei senatori a 200.

“Il taglio del numero dei parlamentari e’ pura propaganda, in Italia ci sara’ meno democrazia e a vincere saranno quei partiti che, con la scusa di risparmiare sui conti pubblici, daranno vita a una piccola e potente casta pronta a imporre i suoi diktat al popolo”. Lo afferma Alessandra Clemente, assessore del Comune di Napoli, a proposito della riforma di legge costituzionale di riduzione del numero dei parlamentari, il cui voto definitivo e’ previsto per oggi alla Camera a partire dalle ore 14 e che portera’ a 400 i deputati e a 200 i senatori.

“Avere 345 parlamentari in meno non garantisce piu’ equilibrio e certezza nella vita democratica del Paese – aggiunge Clemente, assessore ai Giovani e al Patrimonio – ma mette in pericolo la liberta’ dei cittadini. Nessuna vera economia sui conti pubblici e neanche sulle spese per il funzionamento di Camera e Senato, visto che il costo della politica arriva soprattutto dagli staff piuttosto che dai parlamentari. Un’illusione che ci costera’ cara, considerando che il risparmio previsto sara’ solo del 10 per cento”.