sabato, Dicembre 5, 2020

Tag:‘ndrangheta stragista

Progetto separatista, il pentito: la regia di Gelli, Andreotti e Miglio

Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Leonardo Messina allegate agli atti del processo ’Ndrangheta stragista di Giancarlo Tommasone

«Reggio Calabria era il centro del piano separatista massonico-mafioso»

Processo ’Ndrangheta stragista, il progetto eversivo per dividere l’Italia in tre tronconi e affidare lo Stato del Sud a una consorteria criminale...

«La ’Ndrangheta controllava 28 logge su 32», della serie massomafia

Stagione delle stragi, le dichiarazioni di Giuliano Di Bernardo (ex Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia) Stagione...

Progetto separatista, quando la massoneria deviò e si votò alla mafia

Processo ’Ndrangheta stragista, l’allarme per le infiltrazioni delle logge (in Calabria e Sicilia) fu lanciato dal Gran Maestro Giuliano Di Bernardo

«Massoneria, mafia e potenze straniere: 1.000 miliardi per dividere l’Italia»

Processo ’Ndrangheta stragista, il pentito Leonardo Messina: volevo uccidere Bossi ma mi dissero che era solo un «pupo»

«Così Cosa nostra si sarebbe fatta Stato», il piano di Riina e Provenzano

Le riunioni di Enna tra l'agosto del 1991 e l'inverno del 1992, i verbali dei pentiti agli atti del processo ’Ndrangheta stragista...

Mafia stragista, Cosa nostra voleva colpire anche Napoli

Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza agli atti del processo sulla deriva terroristica della ’Ndrangheta  di Giancarlo...

«Gelli e i Servizi contribuirono alla svolta stragista della ’Ndrangheta»

Secondo i magistrati, furono fondamentali per far sì che la mafia calabrese accettasse l’invito di Cosa nostra ad attaccare lo Stato

Ultime Notizie

«Sbagliai, ma non volevo fare male a Diego»

Parla Goikoetxea, l'ex calciatore del Bilbao che nel 1983 causò l'infortunio più grave della carriera di...

Caserta, presi bulli 15enni che terrorizzavano coetanei e anziani

Si sono resi protagonisti di diversi episodi tra cui botte e lancio di arance

Altro che Petrone, al rione Traiano comanda una lady: «L’ultima parola è sempre la sua»

Il pentito Salvatore Maggio è un fiume in piena, tremano gli ultimi ras dello spaccio di...
error: Il contenuto è protetto da copyright
" "