Nelle foto, da sinistra, il 'sosia' e il baby-boss Emanuele Sibillo

Si tratta di un ragazzo pugliese (attualmente detenuto) che si ispira al defunto capo della paranza di Forcella ucciso all’età di 19 anni

di Giancarlo Tommasone

Lo abbiamo sottolineato più volte, il baby-boss Emanuele Sibillo (ucciso nella notte del 2 luglio 2015, all’età di 19 anni) continua a rappresentare un «modello» (negativo, si badi bene) a cui si ispirano molti giovani, legati o meno ad ambienti criminali. Stylo24 ha evidenziato come il fenomeno  di ES17 abbia invaso, dopo YouTube, Facebook e Instagram anche il social TikTok, app diffusissima tra gli adolescenti. Dopo aver rilevato, per primi, l’utilizzo dell’applicazione da parte di esponenti della criminalità organizzata e l’esistenza di «imitatrici» di Mariarca Savarese (la vedova di Sibillo), ci siamo imbattuti anche nel «sosia» del capo della paranza di Forcella.

ad
L’approfondimento / Su TikTok le ragazze
imitano la vedova del baby-boss Emanuele Sibillo

Si tratta di un ragazzo pugliese, che – da quanto emerge, sfogliando il profilo della sua giovanissima fidanzata – attualmente si troverebbe «confinato» in una struttura penitenziaria per minori o in una comunità. Il profilo TikTok della ragazza è praticamente pieno di video e foto dell’amato, che lei arriva a chiamare «il mio Emanuele Sibillo». E che aspetta a braccia aperte, quando i «muri che ci dividono crolleranno» e «i cancelli si apriranno». Palese il riferimento a uno stato detentivo che interessa il suo innamorato.

Leggi anche / Emanuele Sibillo, il primo
baby-boss social della storia della camorra

Non vogliamo scendere sul terreno della discutibilità o meno, di un simile comportamento, fatto sta che per il ragazzo e la sua fidanzata, Emanuele Sibillo rappresenta in maniera inequivocabile, un punto di riferimento, un vero e proprio modello. Basta guardare le dediche che recano la presenza fissa dell’hashtag #ES17, e soprattutto soffermarsi sulle foto del giovane.

I segni distintivi del defunto capoclan di Forcella

Barba lunga come quella di Sibillo (che si era ispirato nel look, ai terroristi islamici), modello di occhiali quasi identico a quello del baby-boss, stesse pose, praticamente la copia del capoclan ucciso nel corso di un agguato in Via Oronzio Costa, tre mesi prima di compiere 20 anni.

Riproduzione Riservata