Dal fallimento e dalla retrocessione in Serie C, ADL ha portato il Napoli prima in B, poi in A. Dalla semifinale di Europa League, agli ottavi di Champions, alla lotta per lo scudetto

di Stefano Esposito

Nel mezzo anche i trofei, due volte la Coppa Italia e una Supercoppa. Napoli è tornata grande insomma, è tornata a sognare come probabilmente non gli accadeva dai tempi di Maradona. Merito di una progettualità seria, di una crescita costante. Merito, soprattutto, degli acquisti.

ad

10) POLITANO – L’esterno offensivo, arrivato in prestito per 18 mesi dall’Inter nel gennaio del 2020, è costato 19 milioni di euro. Questo il costo del riscatto, ai quali potrebbero aggiungersi i 2,5 milioni di bonus legati al raggiungimento della Champions e alle presenze.

9) LOBOTKA – Il centrocampista polacco è arrivato a Napoli nel gennaio 2020. Per averlo il club azzurro ha versato nelle casse del Celta Vigo 20 milioni di euro. A questi si aggiunge un eventuale bonus da 4 milioni.

8) MERET – Nell’estate del 2018 De Laurentiis va alla caccia del nuovo Reina e strappa all’Udinese il giovane portiere. Costo? 22 milioni di euro, più altri 3 di bonus facilmente raggiungibili.

7) VERDI – Altro acquisto sofferto, ma alla fine andato in porto. Dopo un primo “no” da parte del giocatore, intenzionato a finire la stagione 2017/18 al Bologna, il classe 1992 arriva in azzurro per la cifra di 24, 5 milioni di euro.

6) MAKSIMOVIC – Il difensore classe 1991 fu a lungo corteggiato dal Napoli, che nel 2016 per convincere il Torino a cederlo usò un assegno da 25 milioni di euro più uno di bonus.

5) FABIAN RUIZ – Troppo bello da vedere quel ragazzo classe 1996 per non portarlo in azzurro. Il Napoli avrà ragione, perché adesso lo spagnolo vale molto di più rispetto ai 30 milioni pagati dal club di De Laurentiis al Betis nell’estate 2018.

4) MILIK – Il polacco, che nel Napoli ha saputo imporsi nonostante i tanti brutti infortuni, è costato 32 milioni di euro. Tanto è stato necessario per portarlo via dall’Ajax dove, nella stagione 2015/16 aveva segnato 24 gol in 42 partite.

3) MANOLAS: Il greco apre il podio. Dopo gli anni alla Roma, Ancelotti lo abbraccia nell’estate del 2019 e lo sogna in coppia con Koulibaly. I giallorossi non fanno sconti e chiedono (ottenendolo) il pagamento della clausola da 36 milioni di euro.

2) HIGUAIN – Al secondo posto c’è il Pipita, con cui le cose non sono finite benissimo ma che alla fine ha garantito una bella plusvalenza considerando che nel 2016 volerà alla Juventus per 90 milioni di euro. L’argentino arriva a Napoli dal Real Madrid nel 2013, è il colpo con cui De Laurentiis cerca di far dimenticare ai tifosi la partenza di Cavani destinazione Psg. E ci riesce, perché Gonzalo arriverà a segnare 36 gol in un solo campionato sotto la guida di Sarri. Insomma, mai 39 milioni furono spesi così bene.

1) LOZANO – In cima alla lista ecco l’attaccante messicano, ancora in attesa di dimostrare il suo valore. De Laurentiis lo aspetta, anche perché il classe 1995 è costato 38 milioni di euro più bonus (quanto basta per scavalcare Higuain). Per l’ex attaccante del Psv anche clausola rescissoria da 130 milioni di euro.