Dopo la vittoria in casa del Crotone per 1-0 grazie al gol di Marek Hamsik al 17′ del primo tempo, il Napoli è campione d’inverno. La squadra di Zenga però non demerita, va vicino al pari e reclama per un “mani” in area di Mertens a metà secondo tempo. “Aver chiuso l’anno a quota 48 punti è un ottimo risultato – spiega Sarri a Premium Sport – Noi dobbiamo essere orgogliosi del nostro cammino, stop. Poi per garantire un futuro importante al Napoli servirà qualificarsi in Champions League, obiettivo fondamentale”. Poi su Dries Mertens, a secco anche questa sera: “Ha servito tanti assist ultimamente, i gol arriveranno. Non deve pensarci e deve rimanere tranquillo, io non sono per nulla preoccupato. Toglierlo ogni tanto? Ma non ci penso proprio…”.

Sarri: “Rigore Mertens? Palla sbatte sul petto”

”Il titolo di campioni d’inverno e’ un titolo che non esiste e non ci interessa’‘. Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, non vuol sentir parlare del titolo di campioni d’inverno ne’ del presunto fallo di mano di Mertens: ”E’ un qualcosa che non ha nessun valore. Abbiamo fatto 96 punti in un anno ma li abbiamo mischiati male perche’ fatti in due stagioni diverse. Stiamo facendo un bel cammino e siamo orgogliosi ma per garantire un futuro di questo livello al Napoli e’ importantissimo andare in Champions. Il rigore chiesto dal Crotone? La palla – assicura Sarri – batte sul petto di Mertens e poi Hamsik devia il pallone a 30 centimetri da lui. Io vedo la maglietta che si deforma sul punto del petto, poi c’e’ Hamsik e un difensore che gli saltano molto vicini. Parlare di volontarieta’ in un’occasione di questo tipo mi sembra eccessivo”.