Carlo Ancelotti felice per la vittoria dei suoi contro la Fiorentina, ma dispiaciuto per la nota stonata arrivata dagli spalti, a causa di un gruppo di tifosi viola che l’hanno insultato per tutto il corso della partita.

“Firenze e’ un campo ostico, un ambiente ostile. Dopo novanta minuti di insulti ho invitato le persone che me facevano di andare a casa, che era ora. Ricevere insulti non fa piacere, purtroppo ci sono tanti ignoranti e dispiace”. Cosi’ ai microfoni di Sky Sport l’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti.

“L’inizio della partita e’ stato difficile, eravamo un po’ in ritardo nel pressing, ma siamo stati bravi nella gestione. Sono tre punti importanti. Abbiamo preso tre gol, ma ne abbiamo fatti quattro in trasferta. Se ci serve un attaccante? No, forse un difensore”.

Quanto alle ambizioni dei partenopei, il tecnico ribadisce che “questa squadra puo’ vincere. E’ forte e anche in un inizio non giocato bene ha mostrato grandissime qualita’ offensive. I quattro hanno dato fastidio e dobbiamo prenderci questa responsabilita’. Insistiamo su quanto stiamo facendo. In allenamento la squadra mi da’ soddisfazioni come poche altre”.

“La Juventus? Siamo contenti di giocare partite di cartello. Auguro il meglio a Sarri e di vederlo prima possibile. Speriamo di giocare una bella partita, con entusiasmo e concentrazione. Forse la Juve e’ la partita piu’ complicata della stagione e arriva alla seconda ma e’ bene cosi'”, ha concluso Ancelotti.