TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Si terrà dopo il 15 di gennaio l’autopsia sul corpo di Daniele Belardinelli l’ultrà del Varese, squadra gemellata con l’Inter, morto dopo essere stato travolto da una o più auto durante gli scontri dello scorso 26 dicembre, prima della partita tra la squadra nerazzurra e il Napoli.

Daniele Belardinelli

Proprio nel pomeriggio del 15 gennaio, come si legge nell’atto in corso di notifica ai legali dei 23 indagati per omicidio volontario e rissa aggravata, la Procura di Milano conferirà l’incarico ai suoi consulenti tecnici in vista dell’esame autoptico – passaggio fondamentale per far luce sul caso per cui sono già stati arrestati in 4 – la cui data verrà fissata quel giorno. Da quanto si è appreso altre persone in queste ore sono e saranno convocate in Questura per la consegna dell’avviso e la contestuale informazione di garanzia. Quindi, come già era stato preannunciato nei giorni scorsi, salirà il numero dei tifosi sotto inchiesta.

 

Nei guai anche figlio del capo storico dei Boys dell’Inter

C’è anche Alessandro Caravita, il figlio diciannovenne di Franco, lo storico fondatore e capo dei Boys dell’Inter, tra i nuovi indagati nell’indagine della Procura di Milano sulla morte di Daniele Belardinelli, l’ultrà del Varese, squadra gemellata con l’Inter, travolto da una o più auto durante gli scontri dello scorso 26 dicembre, prima della partita tra la squadra nerazzurra e il Napoli.

Alessandro Caravita, sentito nei giorni scorsi come testimone, è stato convocato oggi pomeriggio in Questura per la consegna dell’avviso di conferimento dell’incarico, fissato per martedì prossimo, ai consulenti della Procura in vista dell’autopsia e per accertamenti irripetibili sugli abiti della vittima e sulle auto in via di sequestro. Il giovane, a differenza del padre che ha vecchi precedenti specifici, è incensurato e da quanto è stato riferito riceverà pure una informazione di garanzia per rissa aggravata e omicidio volontario. Da quanto si è saputo tra le persone sotto inchiesta ci sono anche i 4 napoletani feriti negli scontri.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT