Alexander Korshunov (fonte Internet)

Al momento si tratta esclusivamente di una identificazione. Si è tenuta ieri «un’udienza di carattere procedurale» in tribunale a Napoli sul caso del 57enne top manager russo, Alexander Korshunov, arrestato al suo arrivo nello scalo aereo del capoluogo campano su richiesta di Washington.

Leggi anche / Il russo fermato a Napoli
voleva i segreti di una compagnia aerea americana

A quanto si apprende da fonti diplomatiche, «non ci sono state decisioni sostanziali», e si è trattato di un’udienza in cui si è proceduto con la semplice «identificazione» del detenuto.

E’ stato, quindi, nominato un avvocato difensore, di cui però al momento non è stata resa nota l’identità. Fonti legali sottolineano all’Agenzia giornalistica Italia (Agi) che gli Usa hanno chiesto l’arresto dell’uomo attraverso un fermo internazionale ai fini estradizionali.

AIUTACI CON UN LIKE A MANTENERE
L’INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE

Se il manager russo accettasse l’estradizione, nel giro di pochi giorni sarebbe trasferito. In caso contrario, insieme al suo avvocato verrebbe istruita una fase dibattimentale in Italia con la controparte americana.