TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Gli investigatori non lo confermano, ma la pista piu’ accreditata per la sparatoria del pomeriggio del 3 maggio scorso in piazza Nazionale, a Napoli, non e’ quella di un agguato di camorra, ma piuttosto di una vendetta per una vicenda privata. Diversi elementi vanno in questa direzione. Immagini delle telecamere di videosorveglianza dei negozi vicini all'”Elite Cafe'”, il bar teatro della sparatoria, e testimonianza raccolte, confermano che a sparare sarebbe stato un unico uomo, il personaggio vestito di nero, di corporatura robusta e di statura non alta. Anche le modalita’ della sparatoria, i tanti colpi esplosi a vuoto, con mira approssimativa, le testimonianze secondo le quali l’arma, forse una calibro 9, si sarebbe inceppata, lasciano pensare che ad agire non sia stato un sicario di un clan camorristico.

 

Le condizioni di Salvatore Nurcaro, il 32 enne originario del quartiere San Giovanni Teduccio, bersaglio del killer, intanto sono migliorate. Il pregiudicato (precedenti per riciclaggio ed altri reati, ma non per associazione di stampo camorristico) potrebbe essere interrogato nei prossimi giorni e fornire indicazioni decisive per l’identificazione dell’uomo che ha cercato di ucciderlo ed ha ferito la piccola Noemi, di 4 anni, e la nonna, cinquantenne.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT