Nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord e condotte dalla stazione carabinieri di Grumo Nevano, veniva notificata una misura cautelare in carcere a carico di Mancino Raffaele, 40enne di Casandrino, accusato di tentato omicidio e porto illegale di armi.

ad

L’uomo, la notte del 7 luglio scorso, a seg­uito di una lite per motivi familiari av­eva aggredito fisica­mente, unitamente ad un altra persona, che risulta indagata, il cognato di questi.

 

Nella circostanza la vittima veniva percossa dai due uomini e mentre cercava di scampare alla aggressione a bordo della sua macchina, il Mancino esplodeva al suo indirizzo un colpo di pistola la cui ogiva, penetrata attraverso la portiera, veni­va rinvenuta dai carabinieri all’in­terno dell’abitacolo del veicolo.

Il malcapitato si port­ava presso l’ospedale “Pellegrini” di Napoli ove veni­va giudicato guaribi­le in giorni 7 (sette) per una contusione all’arcata sopraccig­liare sx. L’uomo, saputo di essere oggetto di un provvedimento della autorità giudiziaria, si è costituito ieri a carabinieri di Orvieto.