Alla fine, la fuga è finita nonostante il tentativo di incontrare i pm e di giustificarsi affermando di aver sparato per legittima difesa. Giuseppe Troncone, 20 anni, figlio del boss di Fuorigrotta Vitale, e’ stato fermato dalla polizia con l’accusa di tentativo di omicidio nell’ambito delle indagini sulla sparatoria avvenuta nella notte tra il 18 e il 19 novembre scorso davanti ai baretti di Chiaia, luogo della movida napoletana, durante la quale furono feriti quattro ragazzi.

GIUSEPPE TRONCONE
DOPO LA SPARATORIA AI BARETTI
AVEVA PROVATO
A DEPISTARE LE INDAGINI

Il provvedimento di fermo e’ stato emesso dai pm della Dda Celeste Carrano e Antonella Fratello. Secondo gli inquirenti, avrebbe tentato di depistare le indagini quando la notte stessa della sparatoria si reco’ al pronto soccorso dell’ospedale di Pozzuoli, sostenendo di avere subito una rapina e inducendo altre persone a riferire il falso.

Il giovane aveva manifestato l’intenzione di presentarsi in questura assistito dal suo legale ma e’ stato fermato direttamente dai poliziotti. Troncone quella sera fu ferito con una coltellata all’addome e alle gambe. Agli investigatori disse di aver sparato solo dopo che era stato circondato da un gruppo di giovani del quartiere San Giovanni a Teduccio.

Una immagine tratta dal profilo Facebook di un giovane affiliato ai Mazzarella
Una immagine tratta dal profilo Facebook di un giovane affiliato ai Mazzarella

Gli inquirenti ipotizzano, tra l’altro, che quella notte si siano sfidati due gruppi di giovani che si erano dati appuntamento attraverso Facebook, come peraltro «Stylo24» aveva già ipotizzato nei suoi reportage sulla vicenda.