L'armatore Vincenzo Onorato

In cinque anni circa due milioni di euro destinati alla politica, un milione e 200mila euro solo all’azienda guidata dal figlio del fondatore del M5S

I magistrati del Tribunale di Milano indagano su denaro riconducibile alla Moby, compagnia di navigazionedel napoletano Vincenzo Onorato. Un flusso di soldi che ammonta a circa due milioni di euro in cinque anni, soldi che, stando alle indagini, Onorato avrebbe destinato – attraverso Moby – sia alla politica italiana, sia a chi con la politica (ministri, commissari europei, parlamentari) deve interfacciarsi.

C’è di più: dal fascicolo aperto dai pm della Procura meneghina, emergerebbe pure che il denaro sarebbe stato destinato a partiti (dal Pd a Fratelli d’Italia, passando per Forza Italia), associazioni, fondazioni, società, riconducibili alla politica. Un milione e 200mila euro, sostengono gli inquirenti, è stato diretto alla Casaleggio Associati, guidata dal figlio del fondatore del Movimento 5 Stelle. L’indagine è al momento senza indagati, né ipotesi di reato.   

ad
Riproduzione Riservata