E’ considerata, a ragione, la serie televisiva più grande di tutti i tempi. Sei stagioni (andate in onda negli Usa dal 1999 al 2007, 86 episodi), prodotta da David Chase per la Hbo. Basta solo un nome a identificarla: Tony Soprano.

La saga
della famiglia
Soprano
è considerata
la più grande
serie tv della storia
del piccolo
schermo

E’ il boss di una cosca che fa capo a una delle cinque famiglie di Cosa Nostra americana, e controlla il New Jersey. Magistralmente interpretato da James Gandolfini (scomparso all’età di 51 anni, nel 2013), il capomafia ha avi italiani, di Avellino, e la sua organizzazione continua ad avere legami con la camorra napoletana.

Nella serie tv «I Soprano» (The Sopranos), Tony vive insieme alla moglie Carmela, il figlio Anthony John Jr, e la figlia Meadow, in una villa situata a North Caldwell, nel Jersey. Quella villa, alcuni giorni fa, come ha riportato il New York Times, è stata messa in vendita. I proprietari, Patti e Victor Recchia (è inutile dire, di origine italiana), dopo 32 anni vissuti nella «casa di Tony», hanno deciso di cederla a chi pagherà 3,4 milioni di dollari (in euro fanno circa tre milioni).

La villa, posizionata a 45 minuti da Manhattan, ha 4 camere da letto, 4 bagni, due garage, una dependance per gli ospiti e un grande giardino con piscina. Secondo le quotazioni del mercato immobiliare americano, il valore della struttura (edificata su un terreno di 6.000 metri quadrati) si attesta sui due milioni di dollari, ma la villa, dopo la serie della Hbo, è diventata, naturalmente, un luogo cult.

Luogo cult e meta di «pellegrinaggio»

Basti pensare che continua ad essere meta di «pellegrinaggio» non solo da parte dei fan dei Soprano, ma di quanti omaggiano James Gandolfini. Quando l’attore morì, i fan lasciarono perfino un sacchetto di ziti (il tipo di pasta preferito da Tony) davanti all’ingresso della villa. gt