Simon Gautier, l’escursionista francese trovato morto in località Ciolandrea di San Giovanni a Piro, ha utilizzato il telefono cellulare per chiedere aiuto al 118 una prima volta alle 8.57 del 9 agosto. Da allora due o forse anche tre telefonate effettuate intorno alle ore 9.15 al numero d’emergenza 112. Alle 9.25, in entrata, risulta una telefonata da parte del 112. E, sempre in entrata anche una telefonata via Whatsapp è stata effettuata alle ore 9.50, ma a questa non c’è stata risposta. Sono i dati raccolti dagli agenti del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni «Campania», che hanno effettuato accertamenti tecnici sul telefonino del 27enne.

ad

 

“Nel corso degli accertamenti – ha detto il legale della famiglia Gautier, Maurizio Sica – sono stati estrapolati i dati contenuti nel telefonino di Simon provvedendo a farne una copia forense che sarà trasmessa alla procura della Repubblica di Vallo della Lucania gli orari delle telefonate ricevute dovranno essere confermati dai rilievi effettuati sul luogo della tragedia, confrontando la posizione del corpo e quella del telefono cellulare. Dovrebbe essere confermata la perizia: Simon è morto 45 minuti dopoola sua richiesta di aiuto al 112″.