Rinvenuto pure materiale pericoloso non bonificato

Stylo24 ha più volte sottolineato come, ogni qualvolta si tratti di inefficienze e crisi sul versante dei rifiuti, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris tenda a dare la colpa a qualcun altro. Il primo cittadino partenopeo, sempre attivo sui social, non ha però commentato l’ultimo episodio avvenuto a Pianura. Qui, è stato sequestrato il centro di raccolta rifiuti Asìa. Secondo controlli messi in atto dai carabinieri del Nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale di Napoli, insieme al personale dell’Arpa Campania, l’impianto di Via Nelson Mandela era in uno stato di gestione incontrollata.

Rinvenuti anche
rifiuti speciali pericolosi
non bonificati

Sul piazzale di circa 1.500 metri quadrati, solo parzialmente pavimentato e con caditoie per la raccolta delle acque meteoriche ostruite, erano ammassati rifiuti non differenziati e varie tipologie di ingombranti. Stoccati in cassoni metallici anche rifiuti speciali pericolosi non bonificati: frigoriferi, televisori, stampanti e vari dispositivi elettronici. I sigilli sono scattati per l’intero impianto, attrezzature e mezzi di smaltimento compresi.