Il progetto.

La giunta comunale di Napoli ha approvato la delibera con due progetti di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di sistemi di videosorveglianza nelle Municipalità 3 e 10. I quartieri interessati sono Colli Aminei, Capodimonte, Bagnoli e Fuorigrotta dove saranno installati complessivamente almeno sei nuovi punti di videosorveglianza e 16 telecamere. Le informazioni acquisite saranno condivise con le sale operative dei Commissariati di Polizia di Napoli Arenella e di Napoli Bagnoli, nelle quali affluiranno le immagini che saranno analizzate in tempo reale dagli operatori e registrate dal software di gestione.

Il progetto è nato da una collaborazione tra il Comune di Napoli, la Prefettura e le forze di polizia, finanziato con fondi regionali del 29/11/2018 e del 05/12/2018, in attuazione del “Fondo per il sistema integrato della videosorveglianza stradale“, gestito e realizzato dagli uffici comunali rappresentati dall’assessore alla Polizia locale, Alessandra Clemente, l’assessore con delega ai Rapporti con le Municipalità Rosaria Galiero, il Dipartimento Sicurezza del Comandante Ciro Esposito, le Municipalità 3 e 10 del Comune di Napoli. Le gare saranno espletate da subito per entrare in operativo nel 2020.

Le telecamere permetteranno di vigilare sulle strade maggiormente esposte ad episodi di criminalità predatoria o strategiche ai fini del controllo del territorio, nelle zone sensibili teatro di eventi rilevanti per l’ordine e la sicurezza pubblica potendo nel contempo vigilare sulla sicurezza stradale. Saranno un ottimo supporto per le operazioni di prevenzione e repressione che vedono protagonisti i nostri operatori di Polizia Locale e saranno installate con possibilità di successivi punti aggiuntivi.

E’ un importante risultato. Nel corso di questi ultimi anni abbiamo creato una rete infrastrutturale di videosorveglianza e di comunicazione tra le forze di Polizia che copre molte zone della città di Napoli. Una rete che ci permette, facendo passi da gigante in questo settore, un maggiore controllo del territorio, fornisce dati importanti nelle fasi di accertamento di reati o incidenti stradali e certamente da maggiore sicurezza ai cittadini ed alle attività economiche sempre più protagoniste delle politiche di sicurezza urbana partecipata ed integrata“, ha detto l’assessore Alessandra Clemente.

Una risposta concreta alle giuste richieste sollecitate dai territori coinvolti da questo importante intervento. I cittadini e le attività commerciali beneficeranno di una rete integrata di videosorveglianza e stretta sinergia con le forze di polizia che consentirà una copertura rafforzata nei controlli e nelle fasi di accertamento di reati oltre che a rappresentare un valido deterrente nei confronti di chi non agisce nel rispetto delle regole e della sicurezza della comunità“, ha aggiunto l’assessore Rosaria Galiero.