serie-b-calcio

Il calcio italiano spera in una ripresa dei campionati

A causa dell’emergenza Coronavirus il mondo dello sport, soprattutto quello del calcio, si è dovuto fermare. Adesso con la fase 2 la speranza per il calcio italiano è quella di ripartire quanto prima. Il discorso sul ritorno alle competizioni non vale solamente per la Serie A, ma anche per la Serie B. Stando alle ultime indiscrezioni riportate dai colleghi della ‘Gazzetta dello Sport’, resta abbastanza difficile riprendere da dove si era rimasto, ma questo non significa che è impossibile.

Serie B, quali soluzioni per ripartire

Per decretare la stagione regolare completa di Serie B, senza il blocco della pandemia, è opportuno che si disputino ancora dieci partite, più cinque match di playoff e playout. Per far sì che questo avvenga, dovrebbe esserci il giusto tempo (anche se poco) a disposizione. Per quanto riguarda la UEFA, non dovrebbero esserci problemi relativi al prosieguo degli altri campionati professionistici di calcio di giocare anche oltre il periodo estivo. Questo significa che il campionato cadetto si può gestire tranquillamente dal 2 agosto in poi.

ad

Qualora il campionato di Serie B dovesse ripartire dal 2 agosto, ci sarebbe la possibilità che si prolunghi per altre due settimane. Per far sì che questa avvenga è possibile che venga ridimensionata la durata del raduno permanente. Se questo significa che le compagini dovranno trovare alberghi dove alloggiare, è anche vero che dovrà farlo solo per due settimane. Questo, inoltre, porterebbe anche ad una riduzione dei costi.

Morale della favola il campionato di Serie B, malgrado le varie difficoltà, potrebbe ripartire, ma questo dipenderà molto da ciò che succederà nelle prossime giornate.