I carabinieri della stazione di Marianella hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli a carico di Vincenzo Di Lorenzo, un 31enne di via vecchia Chiaiano già noto alle forze dell’ordine. Anche attraverso immagini di videosorveglianza i militari dell’Arma hanno accertato che dopo «sopralluoghi» in una sala scommesse di via Scaglione, nel quartiere Chiaiano, la mattina del 16 ottobre dell’anno scorso vi aveva fatto irruzione insieme a un complice in via di individuazione.

UNO DEI DUE RAPINATORI
SCOPERTO GRAZIE AL DNA

Con il volto travisato da passamontagna, aveva bloccato i dipendenti facendosi dare le chiavi e chiudendo la porta dall’interno: a quel punto minacce, improperi e uno schiaffo per esortare a fare in fretta, il tutto durante le fasi concitate della ricerca dei soldi nei cassetti e nella cassaforte dell’attività.

ad

Terminato il colpo, i 2 «soci» se l’erano data a gambe con un bottino di 5.000 euro e uno dei due, Di Lorenzo, si era tolto il passamontagna gettandolo a terra. Nell’indumento i militari sono riusciti a repertare saliva e capelli, rinvenimento che, analizzato dal ra.c.i.s. di Roma e confrontato con quello dei sospettati, ha portato all’individuazione del responsabile senza ombra di dubbio.