La nuova Scuola Superiore Meridionale che sta nascendo a Napoli “avrà la sua sede in via Mezzocannone 4”. Lo ha detto il rettore dell’Università Federico II di Napoli Gaetano Manfredi a margine di una conferenza stampa in ateneo. La Scuola Superiore sta muovendo già i suoi primi passi con tre dottorati di ricerca con sede a Mezzocannone, in altre parti dell’edificio storico ma sarà poi concentrata nell’edificio che “dovrà essere riorganizzato e sarà definitivamente pronto tra tre anni”, ha spiegato Manfredi.

ad

“Stiamo muovendo – ha detto il Rettore – i primissimi passi della Scuola. E’ un percorso lungo che però è cominciato, ci auguriamo che in perfetta sinergia con le istituzioni culturali, con le altre università e con le scuole federate e con il supporto del ministero questo grande progetto che abbiamo ottenuto con il supporto del ministro Bussetti ci porti grandissimi risultati. I primi tre dottorati sono partiti poi nei prossimi mesi lavoreremo a un piano didattico più ampio. La sede è Mezzocannone, stiamo organizzando gli spazi definitivi anche per questo ci vuole un po’ di tempo”.

 

La Scuola Superiore Meridionale di Napoli occuperà gli spazi dell’edificio di via Mezzocannone che sono attualmente occupati dalla facoltà di Scienze Politiche. Le attività didattiche che si svolgono in quelle aule, spiegano dall’ateneo partenopeo, verranno trasferite nella sede di San Marcellino, sempre nell’area universitaria di via Mezzocannone, un un complesso universitario che originariamente ospitava la facoltà di geologia, già trasferita nel nuovo complesso di Monte Sant’Angelo, a Fuorigrotta. L’apertura della sede definitiva della Scuola Superiore Meridionale avverrà nel giro di tre anni, che serviranno per organizzare lo spostamento di Scienze Politiche ed eseguire dei lavori di ristrutturazione e riordino degli spazi per la nuova scuola.

 

Riproduzione Riservata