lunedì, Gennaio 30, 2023
HomeNotizie di CronacaScritte contro i pentiti, così Miano diventò «Ztl Lo Russo»

Scritte contro i pentiti, così Miano diventò «Ztl Lo Russo»

I nuovi assetti malavitosi nell’area nord

Un piano che sarebbe stato progettato in Tribunale, dopo che – siamo nella primavera del 2018 – i ras emergenti di Miano, avevano visto infliggere l’ergastolo a Ciro Perfetto e ad Antonio Buono, e cavarsela con pene assai più miti i collaboratori di giustizia Carlo Lo Russo e Mariano Torre. A questo punto la necessità della controffensiva contro i pentiti, ex reggenti e affiliati al clan dei capitoni. Prima la lettera inviata dal carcere all’attenzione di «fratm Mat», vale a dire Matteo Balzano (arrestato venerdì scorso, incensurato, considerato dagli inquirenti a capo del gruppo cosiddetto di Abbasc’ Miano), poi, una settimana dopo l’organizzazione di una squadretta di «imbianchini» che costellarono Miano di scritte «Ztl Lo Russo», vale a dire «zona a traffico limitato, vietata ai Lo Russo». La circostanza relativa al retroscena delle scritte contro i pentiti emerge dall’inchiesta contro il gruppo Abbasc’ Miano, ed è stata riportata dall’edizione odierna de Il Mattino, nell’articolo a firma di Leandro Del Gaudio.

Articoli Correlati

- Advertisement -